Pino Daniele, ceneri esposte a Napoli, poi tumulazione in Toscana

Pino Daniele, ceneri esposte a Napoli, poi tumulazione in Toscana

Dopo il doppio funerale a Roma e a Napoli, le ceneri di Pino Daniele rimaranno nella sua città per dieci giorni. La famiglia dell'artista napoletano e il sindaco Luigi de Magistris hanno reso noto che verranno esposte al Maschio Angioino a partire da lunedì 12 gennaio. "Chiunque potrà rendere l'ultimo saluto a Pino Daniele tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 18. Nel primo giorno di esposizione dell'urna, lunedì, l'accesso nella Sala dei Baroni sarà consentito a partire dalle ore 12", si legge nel comunicato stampa diffuso dal comune della città campana.

Proprio l'impossibilità di dare un ultimo saluto all'artista da parte del pubblico aveva generato non poche polemiche, qualche giorno fa: l'accesso alla camera ardente era stato chiuso, nella mattinata del 6 gennaio, poche ore dopo la sua apertura, creando parecchio malcontento fra le persone in attesa (alcuni avevano anche viaggiato per molti chilometri), sia per la volontà dei parenti di rimanere da solicon le spoglie, sia per il fatto che qualcuno aveva fotografato la salma del cantante.

Un successivo comunicato stampa, diffuso nella giornata di oggi 10 gennaio annuncia infine che le ceneri dell’artista, dopo l'esposizione al Maschio Angioino verranno portate in Toscana, a Magliano (Grosseto), dove verranno tumulate per precisa volontà testamentaria dello stesso Pino Daniele.

In serata sono arrivate poi le dichiarazioni - rilasciate all'ANSA - di Fabiola Sciabarrasi e dell'ultima compagna, Amanda Bonini.  "E' presto per il testamento. La volontà di Pino di riposare in pace a Magliano era nota a me e ai suoi figli, ma non c'entra con il testamento. Non abbiamo idea  - di quando si avranno notizie sull'eredità. Vogliamo solo evitare ogni tipo di speculazione", ha dichirato la moglie.

Rompe il silenzio anche la compagna Amanda Bonini, sempre sulla questione dell'eredità: "Io sono una persona semplice, umile. Non ho mai preteso nulla. Io e Pino ci siamo scambiati sempre e soltanto amore. Non ho mai pensato di avere le sue cose". La Bonini ha poi ricostruito la dinamica della serata in cui è scomparso il cantautore: "Pino è entrato in macchina con le sue gambe dopo aver parlato con il suo cardiologo. Ho fatto quello che mi ha ordinato di fare. Tenevo alla sua vita più che alla mia. Ho messo a repentaglio la mia vita per inseguire l'unica possibilità che avevo di salvarlo".

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.