Pino Daniele: nessun ritardo nei soccorsi, fatale la scelta di andare a Roma

Pino Daniele: nessun ritardo nei soccorsi, fatale la scelta di andare a Roma

Le autorità stanno indagando sulla dinamica dei soccorsi a Pino Daniele in quella fatale notte fra il 4 e il 5 gennaio. L'ex moglie del musicista partenopeo ha detto in un'intervista rilasciata a "Il Messaggero": "È una tragedia terribile, non riesco ancora a crederci, ma non riesco proprio a capire perché sia stato portato a Roma. Avrebbero dovuto trasportarlo a Grosseto, mi hanno detto che Pino stava già molto male, si pensa che avesse praticamente un infarto in corso. In certe situazioni bisogna trovarsi, ma quello che penso al momento è che doveva essere subito soccorso da medici, doveva andare al più vicino pronto soccorso. So solo che voglio vederci chiaro, voglio sapere bene come è andata, se è stato Pino a decidere di andare a Grosseto, se i soccorsi sono arrivati subito, se si poteva fare qualcosa".

I carabinieri della stazione di Orbetello hanno fatto luce su una presunta discrepanza di orari nei racconti fatti dal cardiologo di fiducia Achille Gaspardone e l'asl 9 di Grosseto: l’azienda sostiene che l’ambulanza era vicino l’abitazione dopo circa dieci minuti, il professionista invece ha detto che dopo trenta minuti ancora non ve n'era traccia. A risolvere questo piccolo giallo sono stati i tabulati del 118 e la famiglia di Daniele che hanno confermato la versione dell'asl: tutto si sarebbe svolto nell’arco di 19 minuti (l’ambulanza che parte dall’ospedale alle 21.10 e che rientra alle 21.31 dopo essere stata rimandata indietro dai familiari del cantante, che nel frattempo era partito alla volta di Roma).

E' stata fatale, dunque, proprio la decisione di percorrere gli oltre 150 chilometri per recarsi nella capitale, invece di fermarsi direttamente al pronto soccorso di Grosseto. Una scelta che, stando a un comunicato ufficiale della famiglia del cantante, è stata fatta da Pino Daniele: dopo il malore che lo ha colto nella sua casa in Toscana, infatti, ha espressamente domandato di essere portato a Roma all’ospedale Sant’Eugenio, per essere assistito dall’equipe di medici da cui era in cura da anni e quindi di sua fiducia.
Inoltre la famiglia, nello stesso comunicato, smentisce categoricamente quanto da molte fonti riportato, cioè che l’auto che trasportava l’artista verso la capitale abbia forato una gomma lungo il tragitto, rallentando la corsa verso l’ospedale.
Verso le 16:30 di martedì 6 gennaio, però, l'attuale compagna di Daniele (Amanda Bonini) è stata portata dai carabinieri in Questura: non si conoscono ancora le ragioni di questa operazione, ma probabilmente che gli inquirenti vogliono chiarire del tutto la dinamica degli eventi e fugare ogni dubbio su quel fatidico viaggio verso Roma.

Nel medesimo comunicato di cui sopra, poi, i familiari del cantante affermano l’esistenza di un testamento in cui l’artista esprime la volontà di essere cremato. Inoltre si conferma che la città di Napoli (come auspicato dal Sindaco Luigi de Magistris) ospiterà nei prossimi giorni le ceneri dell’artista nel suo luogo simbolo, il Maschio Angioino, per ricevere l’ultimo saluto dei suoi concittadini.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.