Presentato Google Cast: la musica in streaming sbarca (in wireless) sulle casse

E' stato presentato oggi Google Cast, nuovo servizio di Google che permetterà di ascoltare i maggiori servizi di streaming musicali - tra i quali Deezer, Google Play Music, iHeartRadio, NPR One, Pandora, Rdio, Rhapsody e TuneIn - in wireless anche su dispositivi fissi compatibili con la tecnologia sfruttata dalla casa di Mountain View: tra i primi partner coinvolti dal colosso informatico nell'iniziativa - vista da diversi osservatori come risposta all'analoga proposta di Apple presentata qualche settimana fa e battezzata AirPlay - Billboard annovera Denon, LG e Sony, ai quali presto potrebbero aggiungersi altri marchi.



Agli utenti - come spiega il video promozional-esplicativo diffuso nelle ultime ore - verrà richiesto l'acquisto di un dongle - il Google Chromecast - messo in vendita al prezzo di 35 euro: la periferica hardware permetterà di indirizzare il segnale musicale streaming ricevuto su un qualsiasi dispositivo portatile - smartphone, tablet o laptop - o fisso ad un impianto di riproduzione audio compatibile con la tecnologia adottata. Il tutto, specificano i portavoce di Google, potrà essere attivato per mezzo di un semplice comando che verrà integrato nelle interfacce grafiche grafiche delle piattaforme partner - tra le quali, tutto meno che sorprendentemente, non figurano Spotify, iTunes Radio e Beats.

Secondo le prime indiscrezioni provenienti dagli USA, il servizio - nei prossimi mesi - potrebbe essere esteso anche a TV e console.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.