Liberace, il pianista in tour sotto forma di ologramma - VIDEO

Liberace, il pianista in tour sotto forma di ologramma - VIDEO

L'ultima volta che il pianista statunitense (ma di origini metà polacche e metà italiane) si esibì in pubblico, sul palco del Radio City Music Hall, fu nel novembre del 1986. Un anno più tardi, l'artista si spense nella sua casa di Palm Springs, in California, all'età di 67 anni: fatali furono alcune complicazioni dovute all'AIDS, malattia della quale soffriva da alcuni anni. Nei prossimi mesi, però, e a distanza di quasi trent'anni dalla sua ultima esibizione, Liberace tornerà a suonare in pubblico: lo farà per un tour mondiale che lo vedrà protagonista sotto forma di ologramma. Il progetto è stato curato dalle stesse persone che hanno portato in scena l'ologramma di Tupack Shakur in occasione dell'edizione 2012 del Coachella Festival: "Questo è un passo importante per l'evoluzione di questo mezzo per l'intrattenimento", ha spiegato Alki David della società Hologram USA, "lo spettacolo sarà davvero realistico e la sala sarà riempita con tutto il fascino e il carisma dell'artista". L'ologramma di Liberace sarà anche in grado di interagire con il pubblico: "Sentirete il calore del suo cuore, vedrete i suoi occhi scintillare", ha dichiarato a tal proposito il presidente della Liberace Foundation, Jonathan Warren, che sta collaborando con la Hologram USA per la realizzazione del progetto. In realtà, è sbagliato parlare di vero e proprio ologramma: la Hologram USA fa infatti uso della tecnica illusoria detta "Pepper's ghost" (la quale utilizza una lastra di vetro, plexiglas e altri materiali plastici e precise tecniche di illuminazione, per illudere il fruitore con l'apparizione e la scomparsa di oggetti e con il loro diventare trasparenti), aggiornata grazie a nuove tecniche di proiezione e di nuovi software. La prima del tour mondiale con protagonista il "fantasma" di Liberace si terrà "molto presto", come riferito dagli organizzatori, a Los Angeles.

Władziu Valentino Liberace, questo il nome all'anagrafe dell'artista, nato a Milwaukee (Wisconsin) nel maggio del 1919, nel corso della sua carriera - iniziata nel 1936 come concorrente di una competizione di musica classica - ha scritto musiche per pianoforte poi inserite nelle colonne sonore di alcuni film. Nel 1966, all'apice del suo successo (per il quale nel 1960 ricevette pure una stella sulla Hollywood Walk of Fame per il suo contributo all'industria televisiva), Liberace recitò pure nella serie televisiva "Batman" con Adam West e Burt Ward, interpretando il duplice ruolo del pianista concertista Chandell e del suo gemello Harry, un gangster (gli episodi nei quali recitò Liberace furono i più visti dell'intera serie), e fece una comparsa anche nel "Muppet show". Dal 1947 al 1951 furono consegnati al mercato ben dieci dischi di Liberace (al 1954 il numero complessivo degli album ammonterà a circa 70 dischi, per un totale di oltre 400.000 copie vendute). Il suo singolo di maggiore successo fu "Ave Maria", che vendette oltre 300.000 copie.





Il mito di Liberace ha resistito al trascorrere del tempo: nel 1994, gli Sparks hanno scritto una canzone intitolata "The ghost of Liberace", la quale figura all'interno dell'album "Gratuitous sax & senseless violins"; Tupac Shakur ha citato il nome dell'artista nel brano "California love" (del 1995); Lady Gaga gli ha invece dedicato un verso di "Dance in the dark" (canzone inclusa all'interno dell'album "The fame monster" del 2009).



Alla figura di Liberace, ed in particolar modo alla sua relazione con il giovane Scott Thornson, è dedicato il film "Dietro i candelabri" del 2013, diretto da Steven Soderbergh con Michael Douglas nei panni del protagonista.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.