Punkreas, tour e cofanetto per festeggiare 25 anni di attività - INTERVISTA

Punkreas, tour e cofanetto per festeggiare 25 anni di attività - INTERVISTA

Prenderà il via il prossimo 17 gennaio al Leoncavallo di Milano - per poi proseguire fino a marzo inoltrato passando per, tra le altre città, Venezia, Firenze, Genova e Brescia - il "Paranoia domestica tour", stringa di date che celebrerà i venticinque anni di attività dei Punkreas, da inizio anni Novanta una delle realtà più importanti sulla scena punk italiana: contestualmente alla pubblicazione, verrà distribuito sul mercato una cofanetto - intitolato "Punkreas XXV Paranoia domestica" - che includerà i primi quattro album registrati dal gruppo, "United Rumors of Punkreas" del '92, "Paranoia e potere" del '95, "Elettrodomestico" del '97 e "Pelle" del 2000.

Un cofanetto celebrativo ce lo si aspetta da un gruppo rock istituzionale, di quelli che si prendono sul serio e che sguazzano nell'establishment discografico, o in quello che ne rimane: "Sì, ma queli gruppi lì i cofanetti li fanno pagare 50 euro, noi 15", spiega Paletta, il bassista, "La verità è che avevamo finito le copie dei primi quattro dischi: avevamo già pensato di ristamparle, dato che ci arrivavano parecchie richieste in merito, poi - data la coincidenza con il venticinquesimo anniversario del gruppo - abbiamo pensato di fare un regalo ai nostri fan e impacchettarli in un'unica confezione. E poi è un bel modo per avvicinare i nuovi fan al materiale più vecchio...". Perché il ricambio generazionale, nella fan base della band di Parabiago, c'è stato e continua a esserci: "Ci sono ragazzi giovanissimi che ai concerti ci chiedono 'Acà toro' e 'La canzone del bosco' [da 'Paranoia e potere' del '95]: abbiamo visto che i dischi nuovi 'passano' un po' più in fretta. Sarà perché ormai i dischi si vendono poco, ma probabilmente c'è anche altro: basta leggere i titoli dei giornali e capire perché ancora dal vivo ci chiedono 'Disgusto totale' [dall'album di esordio 'United Rumors of Punkreas' del '92]".

Il "Paranoia domestica tour" sarà il primo del gruppo senza Flaco, storico chitarrista del gruppo uscito dalla formazione lo scorso mese di ottobre: "Da quando è successo abbiamo preferito non scendere nei particolari, e continuiamo a farlo: di certo è un capitolo importantissimo che si è chiuso, dopo 25 anni, e anche per questo vediamo questa nuova impresa come una rinascita. Non è un caso che per la prima data del nuovo tour sia stato scelto il Leoncavallo, uno dei primi spazi che ci ha accolto, a inizio carriera. Per il resto alla chitarra adesso ci sta dando una grande mano Andrea Botti: è molto bravo, e giovane, e al primo concerto lo 'battezzeremo' facendogli fare stage diving".

Qual è la vita di una band storica agli occhi del pubblico nell'anno domini 2014, con la crisi globale che impazza e quella discografica ormai cristallizzatasi da almeno un decennio? "Quella di operai della musica, che - poi - siamo sempre stati. E per fortuna che non si possono ancora sostituire i concerti... Almeno, non ancora, finché non arriveranno gli ologrammi e allora sarà un casino. Ai tempi di 'Pelle' riuscimmo a vendere più di 50mila copie: all'epoca dopo un tour potevi mettere qualcosa da parte e fermarti per qualche mese per registrare un nuovo disco. Adesso fermarsi sta diventando sempre più dura. Come se non bastasse, i locali sono sempre meno, rispetto a vent'anni fa. Quindi non rimane che andare in tour e contemporaneamente scrivere un disco nuovo...". Il che, implicitamente, lascia intendere che nel futuro dei Punkreas ci sia un nuovo disco: "Sì, abbiamo già un po' di pezzi, ci stiamo lavorando: l'idea è quella di uscire alla fine dell'anno prossimo...".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.