Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 15/12/2014

Nathalie, concerto a Roma con ospiti The Niro, Onirama e Casalino: live report

Nathalie, concerto a Roma con ospiti The Niro, Onirama e Casalino: live report

A circa un anno di distanza dal concerto attraverso il quale presentò al pubblico romano l'album "Anima di vento", consegnato al mercato nel settembre del 2013, ieri sera, 14 dicembre Nathalie è tornata all'Auditorium Parco della Musica di Roma per un concerto-evento che ha visto la cantautrice, accompagnata dalla sua band, ospitare sul palco alcuni artisti italiani e internazionali, proponendo brani tratti dal suo repertorio e alcune cover.

Proprio ad uno di questi ospiti è affidato il compito di aprire il concerto: si tratta di Roberto Casalino. Chitarra al collo, il cantautore propone - accompagnato dai suoi musicisti - una selezione di brani tratti dal suo ultimo album in studio, "E questo è quanto", e alcune delle canzoni più note tra quelle scritte per altri artisti ("Non ti scordar mai di me", scritta insieme a Tiziano Ferro per Giusy Ferreri; "Cercavo amore", scritta per Emma Marrone; il ritornello di "Magnifico", scritto per l'intervento di Francesca Michielin nel brano di Fedez; "A un isolato da te", presentata da Francesco Renga al 64esimo Festival di Sanremo; "L'essenziale", portata al successo da Marco Mengoni): il tutto in versione intimamente acustica, a causa di un problema tecnico con le programmazioni. Nathalie lo raggiunge per un duetto sulle note di "Happy Xmas (War is over)" di John Lennon e Yoko Ono.

La cantautrice sale sul palco sulle note de "La verità" e le atmosfere si fanno subito rock, con l'incisività della batteria, la veemenza della chitarra di Francesco Tosoni e il canto graffiante della cantautrice a dominare la scena; su questa linea, vengono proposte, una dopo l'altra e senza pause, "Playing with your dolls", "Parole forti", "Sogno d'estate" (che la cantautrice avrebbe dovuto eseguire in duetto con Raf, assente "per seri motivi personali",  come spiegato da Nathalie), "Anima di vento" e "Come un aquilone". In chiave decisamente rock viene proposta anche la cover di "L'anamour" (brano di Serge Gainsbourg), per la cui realizzazione Nathalie ha deciso di avvalersi dell'aiuto di Owen Morris, produttore noto ai più per aver collaborato con gli Oasis: la cantautrice interpreta il brano con fascino e savoir faire, supportata dalle intelaiature sonore tessute per lei dalla chitarra elettrica e dal basso, fino a renderlo suo. Thodoris Maradinis, voce della band greca degli Onirama, affianca poi Nathalie in un duetto sulle note del brano "Call my name", tratto dal repertorio della cantautrice ma mai pubblicato su disco, e su quelle di "Klepsidra" (una canzone - dalle sonorità, specie nel ritornello, tipicamente anni 60' - tratta invece dal repertorio degli Onirama,mil cui testo è stato in parte riadattato in italiano).

Congedato Theodoris Maradinis, Nathalie torna a proporre due brani di sua composizione: "Come polvere", brano che apre l'ascolto dell'album "Anima di vento", l'onirica e quasi esoterica "L'essenza" (la versione presente nel disco è stata realizzata in collaborazione con Franco Battiato, uno che di onirismo e di esoterismo ne sa qualcosa) e la poetica "In punta di piedi". C'è poi spazio per un'altra convincente cover, quella di "Il mare d'inverno" (apprezzabile per la disillusione e la desolazione con cui la cantautrice interpreta filologicamente il testo del brano che Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone composero per Loredana Berté) e per un altro ospite: si tratta di The Niro, all'anagrafe Davide Combusti, con cui Nathalie esegue il brano "Liar" (tratto dal repertorio dello stesso The Niro) e una sentita cover di "Vento nel vento" (Mogol/Battisti). Altro brano tratto da "Anima di vento" e composto da Nathalie è invece "L'orizzonte", per la cui esecuzione le atmosfere tornano a farsi più taglienti e rockeggianti.

Giunto alle sue ultime battute, il concerto si orienta verso una dimensione più intimista (seduta al pianoforte, Nathalie propone così brani dalle sonorità eteree quali "Soul of paper", "Vivo sospesa", quest'ultima presentata in gara al 61esimo Festival di Sanremo), pur non rinunciando ad altre incursioni nel rock ("Mucchi di gente", che chiude la serata).

(di Mattia Marzi)

SETLIST:
"La verità"
"Playing with your dolls"
"Parole forti"
"Sogno d'estate"
"Anima di vento"
"Cone un aquilone"
"L'anamour"
"Call my name"
"Klepsidra"
"Come polvere"
"L'essenza"
"Il mare d'inverno"
"In punta di piedi"
"Liar"
"Vento nel vento"
"L'orizzonte"
"Soul of paper"
"Vivo sospesa"
"Mucchi di gente"

Scheda artista Tour&Concerti
Testi