NEWS   |   Italia / 02/12/2014

J-Ax, il nuovo singolo 'Uno di quei giorni' con Nina Zilli: l'ascolto di Rockol

J-Ax, il nuovo singolo 'Uno di quei giorni' con Nina Zilli: l'ascolto di Rockol

Porta per titolo "Il bello d'esser brutti" il nuovo progetto discografico di J-Ax, in uscita il prossimo 27 gennaio: si tratta di un album in cui, a detta dello stesso J-Ax, convivono registri e contaminazioni di generi differenti (dal rap al rock, passando per la musica reggae, la musica punk, soul, indie e pop). Le registrazioni del disco, come già riportato da Rockol, hanno visto il rapper collaborare con amici e colleghi quali, tra gli altri, Fedez, Max Pezzali, Il Cile, i Club Dogo e Nina Zilli. Proprio la cantautrice piacentina compare nel singolo "Uno di quei giorni", che verrà pubblicato il prossimo 5 dicembre. Abbiamo ascoltato il brano e queste sono le nostre impressioni.

"Uno di quei giorni" è un brano caratterizzato da una certa spensieratezza e scanzonatezza (sia per quanto riguarda la musica sia per quanto riguarda il testo): la canzone si apre con la voce di Nina Zilli che ne accenna l'incipit del ritornello, introducendone subito le sonorità tendenti alla musica reggae. In questo senso, sin dalle primissime note il brano si presenta come una canzone decisamente più vicina alle corde di Nina Zilli che a quelle di J-Ax. Il rapper compare nella prima strofa del brano, il racconto - tutto in prima persona - di una giornata "storta" di un uomo moderno: "Per una volta che potevo stare a letto per davvero mi suona il cellulare, guardo l'ora 8 punto 00. Metto il piede a terra, sento il gelo. Rispondo pattinando dove il gatto ha vomitato il pelo", rappa infatti J-Ax, "già penso al peggio ma è una 'call centerista' che mi blatera qualcosa su un'offerta o una tariffa. Dice che conviene, ne conviene? Io penso che se questo era il buongiorno cominciamo super bene". Nina Zilli torna protagonista nel ponte, dai toni retrò, che collega tra loro la strofa e il ritornello: "La radio parla e io non sento cosa dice e penso a quello che farei. Potessi starmene su un'isola felice, adesso mi rilasserei", canta appassionatamente la cantautrice, che veste i panni di unica protagonista pure nel ritornello già accennato all'inizio del brano (in cui tornano a farsi vive sonorità più reggae). L'alternarsi tra ritornello affidato a Nina Zilli e strofe affidate a J-Ax procede fino allo special, in cui invece le voci dei due artisti si incontrano e J-Ax prova a tenere testa alla cantautrice smettendo di rappare e cantando (non riuscendo però pienamente nell'intento). Dunque la chiusura affidata a Nina Zilli, impegnata ancora nel ritornello.

"Realizzare questo album mi ha fatto sentire come se avessi sconfitto il boss finale della musica italiana. L'album stesso può essere fruito come un videogioco, ci sono i primi livelli che parlano della mia storia di provincia, poi si passa ai successi e le difficoltà della vita per arrivare infine all'Italia di oggi con tutti suoi paradossi grotteschi", ha spiegato J-Ax presentando il suo nuovo progetto, "tutti gli artisti sono convinti che il loro ultimo lavoro sia sempre la cosa migliore che abbiano mai realizzato, questo lo lascerò decidere a voi, voglio solo dirvi che in questo album mi sono messo così a nudo che potete anche contare i globuli bianchi che mi attraversano". L'ideale seguito di "Meglio prima (?)" sarà presentato dall'ex frontman degli Articolo 31 per mezzo di due concerti in anteprima che avranno luogo i prossimi 12 e 17 marzo rispettivamente all'Atlantico Live di Roma e all'Alcatraz di Milano.
(Mattia Marzi)

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BOB DYLAN
Scopri qui tutti i vinili!