Windowing: i nuovi dischi di Beyoncé e Coldplay arrivano su Spotify

Windowing: i nuovi dischi di Beyoncé e Coldplay arrivano su Spotify

Dall'avvento dello streaming musicale online ha iniziato a diffondersi il "windowing", che inizialmente era proprio del mondo di cinema e tv, anche nell'industria legata alla musica.
In pratica, nell'universo dei video, consiste ad esempio nel fare uscire un film al cinema - e solo al cinema - per un certo numero di settimane, per poi renderlo disponibile anche su dvd, poi su iTunes e altri servizi digitali e infine nel circuito del noleggio. Il tutto a step distanziati di qualche settimana l'uno dall'altro per massimizzare le entrate con delle forme di esclusiva e l'apertura progressiva di fette di mercato con target differente.

Il 24 novembre - in quest'ottica - sono giunti su Spotify due degli album più importanti di questo 2014: l'ultimo di Beyoncé e quello dei Coldplay ("Ghost stories"). Il primo è uscito a dicembre del 2013, mentre il secondo a maggio di quest'anno. Quindi è passato parecchio tempo prima di vederli disponibili nella popolare piattaforma di streaming.

Ma questa mossa, che può sembrare tardiva, in realtà ha una motivazione di marketing molto precisa: entrambi i dischi sono oggetto di un'operazione di repackaging e ristampa, che li vede tornare sul mercato in versione deluxe con aggiunte varie.
Quindi mettere la versione originale su Spotify è un modo per cercare di aumentare le vendite delle due riedizioni.
Un meccanismo interessante, nonché una rilettura in chiave music-biz del sistema del windowing: infatti l'industria musicale può contare su meno canali rispetto a quella del video, per operare più step successivi di windowing. Quindi è prevedibile che - almeno nel breve-medio periodo - la pratica che hanno messo in atto Beyoncé e Coldplay divenga uno standard dell'industria, soprattutto per le uscite più importanti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.