Tiziano Ferro, intervista: “Un best of per gli stadi, lavoro a due nuovi album"

Tiziano Ferro, intervista: “Un best of per gli stadi, lavoro a due nuovi album"

“Ho lavorato più a questa raccolta che a un disco di inediti, sia a livello mentale che a livello di produzione”. Tiziano Ferro torna sul mercato discografico con “The best of TZN”, a tre anni da “L’amore è una cosa semplice” (e a due da “L’amore è una cosa swing”). E ci tiene a sottolineare la particolarità del lavoro: una raccolta che non è una raccolta, tanto da dire: “Non è proprio ‘the best of’, il titolo non è corretto. Dentro c’è un mondo”. Quattro versioni, 36 canzoni con 8 inediti nella versione semplice, 61 di cui 16 inedite in quella quadrupla e nella "Super fan edition". 



Contenuto non disponibile

 

“Mi chiesero di fare una raccolta nel 2011, in occasione del decennale della mia carriera”, ha raccontato oggi Tiziano alla stampa, radunata presso la sede milanese di Dolce & Gabbana. “Avevo già finito di scrivere quello che poi sarebbe diventato il mio nuovo disco, e io proposi una cosa folle, che venne ovviamente respinta: fare un album inedito con una raccolta allegata”, Poi spiega l’ambizione del progetto, recuperato oggi. Un lavoro più ampio, che comincia 4 anni prima del suo debutto discografico. “La mia storia non è iniziata nel 2001, con ‘XDono’; è iniziata nel 1997, quando ho iniziato a scrivere canzoni, a collaborare, a fare il corista. Volevo raccontare il lavoro che portava un ragazzo a fare un disco allora, molto diverso da quello che si fa oggi. Così ho recuperato e inserito una canzone per ognuno degli anni prima al mio debutto nel 2001. Da lì, poi, inizia la storia che si conosce, con i singoli: li ho voluti tutti”. Qua potete leggere la nostra guida agli inediti contenuti nella raccolta.

“The Best of TZN” è una storia contemporaneamente “regolare” e alternativa” di 17 anni di carriera - tanto che nella nostra videointervista dice, scherzando ma non troppo, che il criterio si scelta degli inediti è la follia. Più seriamente, nella conferenza stampa (moderata dallo sceneggiatore e regista Ivan Cotroneo), racconta: “Il criterio secondo cui ho scelto questi inediti è molto semplice: nel disco base ho scelto proprio tutte le canzoni che avevo scritto per dischi che poi non sono stati realizzati, o sono stati realizzati, ma per cui quelle canzoni non erano adatte. Per gli inediti più recenti ho scelto le cose più folli, cose che avrebbero fatto fatica ad entrare in altri progetti, cose come ‘Incanto’, un pezzo folk che sarà il secondo singolo e che ho firmato con Emanuele Dabbono”.

Già, gli inediti: a margine della conferenza stampa, gli chiediamo se la laboriosa realizzazione di questa raccolta abbia rallentato un album di nuovo materiale. “Quando lavori ad una raccolta, teoricamente hai più tempo per scrivere quello che verrà dopo. In questo caso non è andata così: abbiamo lavorato talmente tanto sugli inediti e sul resto. Ma io nel frattempo io ho continuato a scrivere. In questo momento ho talmente tante canzoni nuove che potrei riempire due dischi. Li sto pensando, sono concettualmente diversi. Il primo dei due che troverà un senso massimo e compiuto e un numero adeguato di canzoni uscirà. In ogni caso parliamo di cose molto, molto posizionate”, dice con un sorriso sardonico.

Nel frattempo, il terzo inedito "recente", oltre “Incanto” e al primo singolo “Senza scappare mai più” è “Lo stadio”, che preannuncia il tour della prossima estate. Tiziano ci racconta di tenere talmente tanto a questa serie di concerti da affermare: “Questo disco è quasi nato in funzione degli stadi. Voglio che i protagonisti siano la scaletta, la musica, le canzoni, senza divagazioni. Voglio che questo concerto sia la vera raccolta”, spiega. E poi aggiunge in conferenza stampa: “ ‘Lo Stadio’ l’ho scritta per sdrammatizzare un nervosismo positivo. Pubblicazione del singolo, del disco, le tue chiacchierate e le interviste. Poi c’è il tour, inizi dai club e poi sali. Ma diventa tutto un po’ ripetitivo, puoi cadere nella botola della routine. Lo stadio ti costringe a rimetterti in gioco. Quando il mio promoter mi ha proposto di fare uno stadio, lo facevano solo le band rock, era ancora poco praticato dai cantanti pop. L’ho fatto, con una data all’Olimpico nel 2012, è andata bene, ma ho capito di non saperlo fare come avrei voluto. Quando mi hanno proposto un tour intero negli stadi, inizialmente ho detto di non volerlo fare. Ma nel frattempo ho iniziato a spiare cosa facevano gli altri. Vedendo Ligabue, Lorenzo sono andato in crisi, pensando che certe cose non le sapevo fare. Poi ho capito che sarà il mio concerto, e basta”. 

Il futuro immediato è dedicato alla promozione di “The best of TZN” e al lavoro di preparazione per gli stadi. Ci vorrà del tempo prima che uno dei due dischi di inediti veda la luce. E nessuna produzione di altri artisti in vista, nonostante lavorare su Baby K e Alessandra Amoroso sia stato soddisfacente: “E' una sorta di prendersi cura di qualcuno che si fida di te. Quando produco un disco, sono io. Baby K, Alessandra sono io. E’ stata forse l’esperienza più bella degli ultimi anni, proprio perché è completa, totale, anche se il mio nome non è esposto al 100%. Ma proprio per questo impegno, non credo lo rifarò a breve”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
30 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.