Sting sale a bordo, perché "The last ship" rischia il naufragio

Sting sale a bordo, perché "The last ship" rischia il naufragio

Lo si era già ipotizzato nelle prime recensioni, e adesso pare stia per succedere: Sting potrebbe entrare nel cast delle rappresentazioni del suo musical, "The last ship", in scena a Broadway: una produzione costata 15 milioni di dollari e che rischia di colare a picco per mancanza di spettatori. Sembra - l'annuncio dovrebbe arrivare questa mattina, 24 novembre - che Sting possa già apparire in scena a partire dal 9 dicembre e rimanerci fino al 10 gennaio, cioè proprio nel periodo cruciale per gli incassi teatrali della stagione. Sting rileverebbe il ruolo di Jackie White, attualmente interpretato da Jimmy Nail.
"The last ship", scritto da John Logan e Brian Yorkey e diretto da Joe Mantello, è centrato sulla crisi dell'industria navale di Wallsend, Newcastle, negli anni Ottanta; le sue canzoni sono raccolte nell'omonimo album pubblicato da Sting lo scorso anno.
Dopo le rappresentazioni di prova estive a Chicago, il musical ha iniziato le preview il 29 settembre al Neil Simon Theatre di Broadway, dove ha aperto ufficialmente il 26 ottobre. Fino ad ora (i dati sono del 16 novembre) ha incassato circa 3,8 milioni di dollari, ma la sua messinscena ne costa 625.000 alla settimana, e gli spettatori di ogni replica non hanno mai superato il 60% della capienza del teatro.
Naturalmente la presenza in scena di Sting potrebbe risollevare le sorti dello spettacolo, come è già accaduto, in una situazione analoga, nel 2010-2011, quando Billie Joe Armstrong dei Green Day è entrato nel cast della versione musical di "The american idiot": ma è anche vero che dopo l'uscita dal cast di Armstrong lo spettacolo è tornato in perdita, e ha chiuso dopo poche settimane.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
29 ott
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.