Taylor Swift, duplicati gli streaming su Youtube dopo l'addio a Spotify

Taylor Swift, duplicati gli streaming su Youtube dopo l'addio a Spotify

Quello che esce dalla porta rientra dalla finestra, si potrebbe dire. Perché nelle statistiche degli ultimi giorni riguardo la fruizione online del repertorio di Taylor Swift ci sono dei segnali che parrebbero convalidare la profezia di Daniel Ek, fondatore di Spotify, che aveva avvertito la stella del country pop americano dopo il gran rifiuto al rendere disponibile il suo catalogo sulla popolare piattaforma di streaming. Spotify paga poco, ma paga - fu, in nuce, il discorso di Ek: gli altri no. E tra "gli altri", il manager svedese, metteva anche Youtube, che ha stretto sì - e da parecchio tempo - un accordo con le major per la ripartizione dei diritti d'autore, e che col nuovo servizio Music Key scenderà in diretta concorrenza con Spotify - e Deezer, e Beats - sul fronte dello streaming on demand, ma che sulla propria piattaforma tradizionale di video sharing, ancora oggi, ospita milioni di tracce - caricate da utenti sotto forma di lyric video o video-tributi - non autorizzate.

E qui arrivano a pungere i dati riferiti nelle ultime ore dalla Nielsen, società che monitora il mercato discografico americano: nelle ore immediatamente successive alla richiesta della Big Machine Records, etichetta della Swift, di rimuovere il catalogo della cantante da Spotify, le visite alle pagine gestite da utenti di Youtube e Vevo che contengano brani della voce di "1989" si sono impennate dai quotidiani 12 milioni e mezzo a oltre 24 milioni. In pratica, il doppio.

    Quello che esce dalla porta rientra dalla finestra, si potrebbe dire. Perché nelle statistiche degli ultimi giorni riguardo la fruizione online del repertorio di Taylor Swift ci sono dei segnali che parrebbero convalidare la profezia di Daniel Ek, fondatore di Spotify, che aveva avvertito la stella del country pop americano dopo il gran rifiuto al rendere disponibile il suo catalogo sulla popolare piattaforma di streaming. Spotify paga poco, ma paga - fu, in nuce, il discorso di Ek: gli altri no. E tra "gli altri", il manager svedese, metteva anche Youtube, che ha stretto sì - e da parecchio tempo - un accordo con le major per la ripartizione dei diritti d'autore, e che col nuovo servizio Music Key scenderà in diretta concorrenza con Spotify - e Deezer, e Beats - sul fronte dello streaming on demand, ma che sulla propria piattaforma tradizionale di video sharing, ancora oggi, ospita milioni di tracce - caricate da utenti sotto forma di lyric video o video-tributi - non autorizzate.

    E qui arrivano a pungere i dati riferiti nelle ultime ore dalla Nielsen, società che monitora il mercato discografico americano: nelle ore immediatamente successive alla richiesta della Big Machine Records, etichetta della Swift, di rimuovere il catalogo della cantante da Spotify, le visite alle pagine gestite da utenti di Youtube e Vevo che contengano brani della voce di "1989" si sono impennate dai quotidiani 12 milioni e mezzo a oltre 24 milioni. In pratica, il doppio.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.