NEWS   |   Italia / 30/06/2004

Tora!Tora! 2004: doppio appuntamento a Reggio Emilia e Milano

Tora!Tora! 2004: doppio appuntamento a Reggio Emilia e Milano
Un'edizione "condensata" del Tora!Tora! (10 e 11 luglio a Castelnovo ne' Monti, Reggio Emilia; 11 e 12 settembre all'ex ospedale psichiatrico Gaetano Pini; più una possibile appendice a Roma il 26 dello stesso mese). Anche per motivi di costi e di efficienza, non hanno problemi ad ammettere il gran capo della Mescal Valerio Soave e il direttore artistico Manuel Agnelli. "Il nostro festival", spiega Soave, "impegna ogni anno 119 persone e funziona come una specie di franchising: portare in giro lo stesso palco, la stessa scenografia, le stesse facilities è costoso, ed è difficile pensare di spostarsi per l'Italia se non arrivano i contributi". Contributi e supporti che sono arrivati, quest'anno, dalla provincia di Reggio Emilia (il festival torna sotto la Rocca di Bismantova dove aveva fatto tappa già l'anno scorso) e dalla cooperativa Olinda, che includerà le due date milanesi nella rassegna "Da vicino nessuno è normale" (e che ha intenzione di reiinvestire gli incassi dei concerti per finanziare la costruzione di un teatro): due minifestival di due giorni ciascuno, secondo la formula inaugurata dal Tora! Tora! a Nizza Monferrato, patria della Mescal di Soave. "E' un modo per vivere i concerti in maniera più rilassata, una soluzione che favorisce gli incontri tra artista e pubblico e tra artisa e artista", aggiunge Agnelli, che nelle vesti di direttore artistico non si è risparmiato: ben 67 i nomi in cartellone, noti (Frankie Hi Nrg, Max Gazzé, Le Vibrazioni, Verdena e Afterhours a Castelnovo; ancora Afterhours, Africa Unite, Avion Travel, Caparezza, Modena City Ramblers, PGR, Shandon, Meganoidi, Bugo e Skiantos a Milano) e meno noti. "Come sempre, i primi tireranno la volata ai secondi: anche se il festival da solo non basta, come trampolino di lancio. Sarebbe ora che qualcun altro seguisse il nostro esempio" dice il leader degli Afterhours, che confessa di aver accarezzato, per motivi storico-ideologici, l'idea di riportare un festival rock al Parco Lambro milanese ("cosa", aggiunge, "risultata tecnicamente impossibile"): 15 e 12 euro, rispettivamente, i prezzi dei biglietti di ingresso a Reggio Emilia e Milano (20 euro, in entrmbi i casi, per l'abbonamento alla due giorni). Tra gli "effetti collaterali" del festival, quest'anno, oltre alla consueta compilation (che potrebbe essere distribuita in edicola, in alllegato a qualche rivista), anche un libro fotografico con gli scatti di Pasquale Modica che documentano le esibizioni degli oltre 70 artisti saliti sul palco del Tora!Tora! nelle passate edizioni (uscirà il 10 luglio per Mescal Libri). E l'anno prossimo? "Abbiamo in mente di tornare ad un festival di sei o sette date", chiosa Soave.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi