Mogol e la vedova di Lucio Battisti, contenzioso aperto

Mogol e la vedova di Lucio Battisti, contenzioso aperto

A margine della presentazione, avvenuta ieri, di un disco di reinterpretazioni (o non sarebbe più semplice chiamarle cover?) di canzoni firmate Battisti-Mogol, Marinella Venegoni ha scritto oggi, 18 novembre, su "La Stampa":

"'The new era' riparte per essere ascoltato anche su iTunes, dove non ha mai potuto approdare finora sempre per lo stesso motivo. Un nuovo enorme segmento di mercato e ascolto si apre per Mogol/Battisti autori. Certo Mogol deve aver lottato parecchio, prima di questa decisione che supera ogni eventuale avversità. E si capisce anche quanto gli sia costato, sia in termini autorali che economici, l’ostruzionismo della controparte: è giusto che un repertorio ormai classico, patrimonio nazionale nel pop, non venga divulgato per veto di una parte? E’ giusto che l’autore vivente del duo ci rimetta? La domanda ha già travalicato il lato teorico, Mogol si è rivolto a un giudice e la questione è ora sotto delicata inchiesta presso il tribunale: la sentenza non mancherà di far discutere".

Il fatto ci era noto da tempo, ma ci era stato chiesto di non scriverne dato che il contenzioso fra Mogol e Grazia Letizia Veronese non era ancora diventato di pubblico dominio. Mogol avrebbe deciso di far valere i suoi diritti di coautore perché il rifiuto assoluto della vedova di Lucio Battisti di concedere ogni tipo di utilizzo economico delle canzoni firmate da suo marito gli causa mancati introiti significativi. Anche se l'assenza su iTunes delle canzoni di Mogol-Battisti non è proprio totale: basta ad esempio verificare qui e qui. Ora che è lo stesso Mogol ad averne parlato, ci è parso interessante ascoltare la voce di chi rappresenta, dal punto di vista editoriale, il catalogo Battisti-Mogol.

    A margine della presentazione, avvenuta ieri, di un disco di reinterpretazioni (o non sarebbe più semplice chiamarle cover?) di canzoni firmate Battisti-Mogol, Marinella Venegoni ha scritto oggi, 18 novembre, su "La Stampa":

    "'The new era' riparte per essere ascoltato anche su iTunes, dove non ha mai potuto approdare finora sempre per lo stesso motivo. Un nuovo enorme segmento di mercato e ascolto si apre per Mogol/Battisti autori. Certo Mogol deve aver lottato parecchio, prima di questa decisione che supera ogni eventuale avversità. E si capisce anche quanto gli sia costato, sia in termini autorali che economici, l’ostruzionismo della controparte: è giusto che un repertorio ormai classico, patrimonio nazionale nel pop, non venga divulgato per veto di una parte? E’ giusto che l’autore vivente del duo ci rimetta? La domanda ha già travalicato il lato teorico, Mogol si è rivolto a un giudice e la questione è ora sotto delicata inchiesta presso il tribunale: la sentenza non mancherà di far discutere".

    Il fatto ci era noto da tempo, ma ci era stato chiesto di non scriverne dato che il contenzioso fra Mogol e Grazia Letizia Veronese non era ancora diventato di pubblico dominio. Mogol avrebbe deciso di far valere i suoi diritti di coautore perché il rifiuto assoluto della vedova di Lucio Battisti di concedere ogni tipo di utilizzo economico delle canzoni firmate da suo marito gli causa mancati introiti significativi. Anche se l'assenza su iTunes delle canzoni di Mogol-Battisti non è proprio totale: basta ad esempio verificare qui e qui. Ora che è lo stesso Mogol ad averne parlato, ci è parso interessante ascoltare la voce di chi rappresenta, dal punto di vista editoriale, il catalogo Battisti-Mogol.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.