Irlanda, cosa ha detto Bono (U2) alla conferenza Web Summit

Irlanda, cosa ha detto Bono (U2) alla conferenza Web Summit

Chiamato a chiudere l'annuale edizione del Web Summit, happening per addetti ai lavori chiusosi ieri sera nella "sua" Dublino, Bono ha colto l'occasione per fare chiarezza su alcuni dei temi toccati - esplicitamente o meno - nelle ultime settimane, specie dopo la pubblicazione del nuovo album degli U2, "Songs of innocence": autodefinitosi "una rockstar sfasciata, stapagata e straviziata", il cantante non ha potuto fare a meno che partire dall'affaire Apple, vero e proprio tema caldo di questo autunno discografico.

"[Regalare "Songs of innocence" su iTunes] è una delle cose che mi rende più fiero tra quelle che ho fatto nella vita: l'idea, dopo aver lavorato per anni e anni su canzoni che riteniamo essere le più personali scritte nella nostra carriera, che nessuno avesse potuto ascoltarle ci terrorizzava. Ecco perché ci è piaciuta l'idea di presentarle a gente che di solito non ascolta musica rock (...) 100 milioni di persone hanno ascoltato due o tre canzoni, e 30 milioni hanno ascoltato tutto il disco. Con 'Songs of innocence' abbiamo fatto in tre settimane quello che con 'Joshua tree' abbiamo fatto in trent'anni".

"Sia chiaro, [per 'Songs of innocence] siamo stati pagati. Nessun altro dà valore alla musica come noi. Per noi è una cosa sacra. Credo che gli artisti debbano essere pagati più di quanto non lo siano oggi, ma la cosa migliore per far fruttare le proprie canzoni è farle ascoltare. Certo, so di essere strapagato. Una delle ragioni per le quali non mi faccio portavoce di questa causa è proprio perché so che ne sarei un pessimo rappresentante. Credetemi, però: se avessi 17 o 18 anni e dovessi mettere in piedi un gruppo oggi la faccenda mi interesserebbe molto".

"La battaglia non è tra download e streaming: la vera battaglia è per la trasparenza. L'industria musicale è storicamente avviluppata su sé stessa, ma le cose potrebbero cambiare se tutti avessimo l'opportunità di vedere quanto volte una canzone è stata ascoltata, dove e da chi. Anche i pagamenti agli artisti sarebbero più chiari. La gente se la prende con Spotify, che dà il 70% dei ricavi ai titolari dei diritti. Il problema, però, è la scarsa chiarezza delle case discografiche: sono necessari modelli di distribuzione più equi".

"I musicisti sono storicamente menestrelli: girano di città in città suonando in favore del potente locale, che - in caso di gradimento - li invita a mangiare al proprio tavolo. E' una cosa che non mi piace: preferisco quando è il musicista ad avere in mano il suo destino. Una delle cose che mi rendono nervoso, in questi tempi, è la preoccupazione che gli artisti stiano perdendo la propria potenza di fuoco, e che si stia man mano regredendo. Oggi noi non siamo costretti a suonare per il potente del castello. Se vuole, il potente può venire a vederci a un nostro concerto, pagando il biglietto come tutti gli altri". "Stiamo lavorando con Apple a un nuovo formato che sarà molto più di un semplice mp3. Se ci arriveremo, ci arriveremo. Nel frattempo, loro ci hanno dato libero accesso ai loro laboratori...".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.