Musica online: la Global Music Rights di Azoff promette 30 % di royalty in più

Musica online: la Global Music Rights di Azoff promette 30 % di royalty in più

Con le vendite di supporti musicali in calo strutturale e lo streaming ancora lontano dal generare profitti sostanziosi, il music business si interroga sui modi di ricavare maggiori ricavi dalla cessione delle licenze per l'uso della musica registrata su canali come le Web radio e le altre piattaforme digitali. Martin Bandier, boss di Sony/ATV Music Publishing, non è l'unico a pensare di poter spuntare condizioni migliori dagli utilizzatori bypassando la mediazione delle società di collecting BMI e ASCAP (in pratica le SIAE statunitensi, oggi depositarie di circa il 95 per cento dei copyright). La pensa in modo analogo anche il supermanager artistico Irving Azoff, pronto a lanciare una società dal significativo nome di Global Music Rights incorporata nella sua holding Azoff MSG Entertainment (a sua volta frutto di una joint venture con Madison Square Garden Company).

Secondo il New York Times Azoff ha già conquistato tra i suoi clienti star come Pharrell Williams, Ryan Tedder, Benny Blanco accanto a membri di Journey e Fleetwood Mac: ci sarebbe riuscito, secondo alcune fonti, promettendo loro di incassare da radio e siti Internet royalty superiori del 30 per cento a quelle raccolte da ASCAP e BMI. "Quando ho aperto questa società ho promesso che mi sarei preso cura degli artisti", ha spiegato Azoff. "Cosicché ho cercato di identificare gli ambiti in cui non riuscivano a spuntare contratti equi e l'area dei diritti di pubblica esecuzione è la prima che mi è venuta in mente. Era un luogo in cui sentivo di poter dare una mano agli autori".

Il suo vice Randy Grimmett, un ex funzionario della stessa ASCAP, ha sottolineato che gli autori aderenti alle due grandi agenzie di collecting ricavano al momento royalty editoriali del valore di appena 2.200 dollari da 40 milioni di ascolti sulla Web radio Pandora. Il problema è che la maggior parte dei clienti di Global Music Rights al momento è ancora sotto contratto con ASCAP e BMI: molti di quegli accordi, tuttavia, sono in scadenza e potrebbero non essere rinnovati.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.