Nick Mason: 'I Pink Floyd senza Waters? Come l'URSS dopo Stalin'

Nick Mason: 'I Pink Floyd senza Waters? Come l'URSS dopo Stalin'

A Nick Mason, il "Kissinger" dei Pink Floyd - la definizione è sua - che per tanti anni ha mediato tra Roger Waters e David Gilmour (le due personalità più forti del gruppo), non è mai mancato il senso dell'umorismo. Ne fa ampio sfoggio anche nell'intervista rilasciata al mensile inglese Mojo in coincidenza con la pubblicazione del nuovo album "The endless river", dove ricorda l'uscita dal gruppo di Waters come un evento traumatico. "Dev'essere successo qualcosa di simile con la morte di Stalin", ha detto Mason tracciando un parallelo tra il dittatore sovietico e il carattere autoritario del bassista, autore e cantante. "C'è voluto del tempo per riprendersi, un periodo di tre o quattro anni. Roger pensava che ci saremmo sciolti, mentre io e David pensavamo che sarebbe stato lui a ritirarsi mentre noi saremmo andati avanti. Ma il fatto è che le persone leggermente squilibrate sono sempre grandi musicisti. Non avessimo avuto il folle Syd (Barrett, il primo leader del gruppo estromesso nei primi mesi del 1968 e morto nel 2006) e il folle Roger forse ci saremmo messi a fare cose come "Chirpy chirpy cheep cheep" (numero uno in classifica nel 1971 per i Middle Of The Road di Lally Stott, e paradigma della "bubblegum music" britannica).





Come Waters ha tenuto a sottolineare pubblicamente, l'autore di album come "The pros and cons of hitch hiking" e "Amused to death" non ha nulla a che vedere con la realizzazione di "The endless river", assemblato principalmente a partire da registrazioni risalenti al 1993, cioè otto anni dopo la sua uscita dal gruppo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.