Sony/ATV, forse entro fine anno revocato il mandato ad ASCAP e BMI

Già nel luglio scorso Martin Bandier, presidente e amministratore delegato di Sony/ATV (leader mondiale nel mercato dell'editoria musicale, in catalogo anche la maggior parte delle canzoni dei Beatles), aveva dichiarato di voler revocare il mandato di rappresentanza ad ASCAP e BMI, società di collecting statunitensi che svolgono servizi analoghi a quelli della SIAE in Italia: la scelta, dettata dall'impossibilità sancita dai tribunali di delegare solo una parte dei diritti, è legata a una crescente insoddisfazione in merito alle royalty negoziate per i diritti di pubblica diffusione sulle Web radio e i servizi di streaming, e Bandier ne aveva già dato ampia spiegazione in una lettera aperta indirizzata agli autori di canzoni di cui amministra i copyright.

Ora giunge notizia che il ritiro della delega potrebbe avvenire a breve, e cioè entro la fine dell'anno: lo scrive il New York Post, pur ammettendo che nessuno ha ancora messo nero su bianco. L'obiettivo resta quello di negoziare accordi diretti di licenza con gli utilizzatori, innescando procedure più efficienti, veloci, trasparenti e meno costose che potrebbero permettere a Sony di risparmiare decine di milioni di dollari all'anno.

In Italia Sony/ATV ed EMI Music Publishing (ora parte della stessa famiglia) affidano da tempo a un consorzio denominato Solar la gestione delle licenze sul repertorio angloamericano per quanto riguarda i canali mobile e on line. Sugli altri canali, e sul repertorio locale, resta in vigore il mandato della SIAE (e non sembra sussistere, per il momento, alcuna eventualità che la società decida di ispirarsi al modello americano). 

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.