Peter Gabriel vende OD2 all'americana Loudeye

Peter Gabriel vende OD2 all'americana Loudeye
La biografia dell’ex Genesis è zeppa di episodi che lo possono confermare: Peter Gabriel è sempre stato un visionario piuttosto che un oculato amministratore di risorse, un “incubatore” più che uno sfruttatore di idee. Un artista, insomma, e non un imprenditore. E così non stupisce che oggi dica virtualmente addio alla “sua” OD2 (On Demand Distribution), la piattaforma di streaming e downloading musicale da lui concepita e allestita quattro anni fa in coppia con il “tecnologo” Charles Grimsdale e che oggi alimenta in Europa i negozi digitali di marchi come MSN/Microsoft, MTV, Tiscali e Coca-Cola (solo in Gran Bretagna, quest’ultima). La società, che nel primo trimestre 2004 ha generato ricavi per 2,1 milioni di € (+ 80 % sullo stesso periodo dell’anno scorso), passerà sotto il controllo di un colosso americano dei media digitali, Loudeye Corporation, facendo il salto di qualità (o meglio di quantità) da “venture” a capitale privato a “corporation” quotata in Borsa, con tutto ciò che ne consegue. L’azienda di Seattle entrerà gradualmente in possesso del 100 % delle quote, mantenendo Grimsdale nel ruolo di presidente e managing director per sfruttarne il know how e garantire stabilità di rapporti con i partner commerciali (l’offerta di proseguimento del rapporto è stata allargata a tutta la rete di manager europei del gruppo, Italia compresa). L’accordo di trasferimento di proprietà prevede il pagamento di una prima tranche di 19 milioni circa di €, in azioni e in contanti (comprensiva dell’assorbimento dei debiti); nei diciotto mesi successivi Loudeye verserà altri 14,5 milioni di € più una “liquidazione” fino a 15,5 milioni di € ai soci venditori di OD2 (oltre a Gabriel e Grimsdale, tra i finanziatori dell’impresa ci sono il gruppo finanziario Questar Capital Management Ltd e il fondo giapponese NIF Ventures) in base al raggiungimento di determinati obiettivi di crescita e profittabilità aziendale: le quote non ancora acquisite passeranno di mano entro ottobre. Per quella data, la struttura e il personale di OD2 (circa 80 dipendenti nel mondo, sedi a Londra, Parigi, Colonia, Milano, Amsterdam e Bristol, dove sono localizzati i quartieri generali) saranno interamente controllati da Loudeye.
L’operazione, annunciata a pochi giorni dal lancio del nuovo software OD2, Sonic Selector (vedi News), è destinata a cambiare ancora una volta le carte in tavola in un mondo, quello della musica on-line, mai in ebollizione come di questi tempi. Loudeye punta a diventare con questa mossa la maggiore società “business to business” del settore: nel senso che saranno sempre i marchi clienti (oltre a quelli citati, ci sono Wanadoo, in tutta Europa, HMV e Virgin Megastores in Gran Bretagna, Karstadt in Germania, il gruppo Radio 105 in Europa e molti altri) ad entrare in relazione con la clientela on-line, mentre l’azienda americana, insieme a OD2, si occuperà di gestire infrastrutture, conversione dei brani in formato digitale, distribuzione, pagamenti, protezione dei copyright, con l’obiettivo di raddoppiare i suoi ricavi e di garantirsi una leadership nei paesi europei dove la società di Gabriel e Grimsdale utilizza piattaforme multilingue e con sistemi di pagamento in varie valute con un catalogo dichiarato di circa un milione e 300 mila brani licenziati dalle cinque major e da tutte le maggiori etichette indipendenti. OD2 ne ricaverà le risorse finanziarie per porsi sullo stesso piano dei maggiori concorrenti internazionali, iTunes di Apple, Napster e Sony Connect. Il nuovo partner americano da parte sua, ne potenzierà la competitività in settori contigui come la telefonia mobile, dove vanta notevole esperienza e relazioni consolidate. “Con Loudeye”, ha dichiarato Gabriel a mezzo comunicato stampa, “formeremo il più ampio catalogo di musica disponibile al mondo per la distribuzione digitale”. Ma lui, a quel punto, potrebbe già essersi defilato, magari conservando per l’azienda un ruolo di consulente o di rappresentanza istituzionale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.