Comunicato Stampa: Marlene Kuntz, Meganoidi e Yuppie Flu in concerto giovedì a 'Made in Bo'

Comunicato Stampa: Marlene Kuntz, Meganoidi e Yuppie Flu in concerto giovedì a 'Made in Bo'
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

SUBmission: Marlene Kuntz, Meganoidi, Yuppie Flu, Marta sui Tubi, Velvet Score, Sungria, InLimine : : MADE IN BO
Comunicato N° 20 del 22/06/2004

SUBmission al "made in BO": giovedì 24 giugno dalle 17 a Bologna presso l'arena parco nord. Concerto di presentazione in anteprima della compilation Indies against IN(vi)DIE.

Grande festa in cui saranno presenti gli stand di: il Mucchio, Idbox.it, Transilvania live, Musicboom.it, Rockit.it, Musicaoltranza.net, Kalporz.com; inoltre saranno allestiti stand delle etichette coinvolte (SUBrecords, Black Candy, Audioglobe, Eclectic Circus, Homesleep..) dove sarà possibile acquistare la compilation Indies against IN(vi)DIE e le produzioni dei gruppi che suoneranno.
Cast di eccezione scelto tra gli ospiti della già citata compilation.
Marlene kuntz
Meganoidi
Yuppie Flu
Marta sui Tubi
Velvet Score
Sungria
InLimine
dalle ore 17

Grande curiosità e attesa per l'esibizione di Marlene Kuntz che a distanza di poco più di un anno torna a far parlare di se sul fronte discografico con l'uscita dell'ep "Fingendo la poesia" dal 28 maggio nei negozi italiani. Senza peso è probabilmente l'album più completo e bello di mk, per coloro che riescono a mettere da parte un attimo le incontrollabili pulsioni verso Catartica o Il vile, successivi; e forse la caratteristica che contraddistingue marlene è la capacità di esplorare nuovi e diversi paesaggi senza curarsi che ciò sia il desiderio dei loro sostenitori, seguendo solitariamente la propria arte. Tour, quello di Senza peso, che propone notevoli cambiamenti anche nel suono live della band, in linea con le loro mutazioni, e dona nuova energia a brani storici che sembrano raggiungere ora dimensione compiuta. Cosa avranno, dunque, preparato per noi in questo spazio di tempo in attesa della prossima mutazione... fingendo la poesia?
Meganoidi tra i migliori interpreti dello ska-core nostrano, con un'intensa attività live alle spalle e qualche strano prob lema con i Supereroi e la Municipale. Il loro primo album, “Into the darkness, into the moda” vede la luce nel 2000, e contiene quel singolo “Meganoidi” che l'anno seguente diventerà una hit televisiva da hot rotation su MTV. Definiti da Musica di Repubblica come miglior band nel 2002, riescono a non essere vittima dell'invasione ska che ha portato ad un appiattimento del genere. Con il successivo lavoro in studio “Outside the loop, stupendo sensation” riescono a rinnovarsi inaspettatamente spiazzando chiunque si fosse approcciato al loro primo disco; album che suona molto più rock internazionale inglobando in esso influenze ska inedite. Mantengono saldi i principi d'autoproduzione e del prezzo politico di vendita, soddisfacendo l'esigenza di mixare il tutto in Canada da Vic Florencia (già al lavoro con Tool e Danko Jones); passaggio a dir loro necessario, per evidenziare i particolari distorti di ciò che descrivono come una perfetta sintesi di istintività, drammaticità e mali nconia.
Per molti non avranno bisogno di presentazioni. È quasi un decennio che gli Yuppie Flu si aggirano sui palchi italiani, portando avanti un progetto artistico in continua evoluzione, fino a diventare quella che oggi è considerata una delle indie rock bands più importanti del bel paese, conosciuta nel resto del mondo e pubblicata dalla storica Rough Trade. Come Pavement, Grandaddy e Notwist, gli Yuppie Flu hanno saputo lambire i confini più raffinati del pop mantenendo intatta la loro provenienza mediterranea. Brucia in loro la fiamma della melodia, alimentata dalla capacità di arrangiamento e scelta dei suoni. Lo spleen che ispira ogni loro armonia ha fatto innamorare il pubblico, ormai fedele, in costante crescita. Assolutamente da scoprire per chi ancora non li conosce.
Il luogo immaginario creato dai Marta sui tubi è un posto buio, illuminato appena da uno spot oscillante, come in un piccolo teatro avvolto da pesanti tendaggi di velluto ros so. "Muscoli e dei", l'album d'esordio della band sicula, è un lavoro raffinato e maturo che gioca con "connotati" teatrali (monologhi, testi cantati/recitati, urla, rumori di fondo...) e atmosfere "grunge". Una combinazione decisamente insolita: come se gli Alice In Chains si incontrassero a metà strada con Vinicio Capossela. Gli undici brani del disco, cantati spesso tutti d'un fiato, e tenuti spesso in piedi solo da una chitarra acustica, provano che, sebbene lo spot oscilli, non si spegne mai.
“Youth” è il debutto discografico per i Velvet Score. Le sette tracce, che compongono il loro primo lavoro in studio, confermano le attese mostrate nei confronti dei quattro giovani ragazzi toscani che si avvalgono fra l'altro dell'apporto di Andrea Rovacchi in veste di produttore artistico. Sorprendente è il loro talento e la loro capacità nel tessere trascinanti ed avvolgenti composizioni, nelle quali sognanti ed incantate melodie si alternano ad incursioni rumoristiche e deflagrazioni soniche. Musica espansa, dilatata, che non lascia spazio alle parole, fatta di rumori lisci e leggeri e di imperfezioni progettate. Cinquanta minuti nei quali i quattro riescono a creare, fotografare e incorniciare posti celesti e luminosi. Post-rock con il pop dietro l'angolo per un esordio deciso e promettente.
Sungria: il gruppo si presenta con un singolo in uscita a tiratura limitata in attesa del disco, ma sopratutto con la sua musica: spiritualità reggae, istinto rock, atmosfere elettroniche and the voice... che trasporta in territori lontani, come fossero conosciuti da tutti... una band che entusiasma, coinvolge e fa sognare. Il suono che scava nello spirito… Un live che ammalia e scatena per un concerto curato con sorprendente professionalità ed entusiasmo.
Nasce durante il 1999 sull'appennino tosco emiliano (Piandelagotti 1209 mt). 2004: partecipazione ad ArezzoWave nell'ambito psycho stage. L'indirizzo estetico di I nLimine si delinea fra storie favolose e decadenti, ricamate in un sound capace di violenza ed intimità a seconda dell'aria che tira. I testi si snodano in percorsi che vanno dall'ermetismo ingenuo all'ironia paradossale dove succedono cose insolite e poco prudenti…“Nelle nostre storielle vestite da canzoni succedono cose strane, reali e non reali, belle, brutte, ironiche, violente, dolci, romantiche, noir.... tutte velate da un fondo di decadenza che a volte è più forte a volte meno forte e a volte mascherato da burla..” La struttura delle canzoni è bascullante tra classica strofa ritornello e una più arbitraria, dilatata o ristretta (come il caffè del bar)…a seconda delle esigenze… “Nei live l'apnea psicologica vela tutto e l'ambiente è intriso di tensione…” (tratto da intervista a fm italia)
www.subrecords.com
info@subrecords.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.