Concerti, a Firenze il music act all'italiana entrerà in vigore da ottobre

Concerti, a Firenze il music act all'italiana entrerà in vigore da ottobre

Il provvedimento ispirato al "music act" inglese per la semplificazione normativa riservata a concerti con meno di 200 spettatori già proposto dall'ex assessore comunale di Milano Stefano Boeri all'ex ministro della Cultura Massimo Bray (poi arenatosi con l'avvicendamento a Palazzo Chigi tra Enrico Letta e Matteo Renzi) verrà messo in pratica in autonomia dalla città di Firenze: come annunciato oggi dall'agenzia ANSA, il primo cittadino del capoluogo toscano Dario Nardella ha annunciato oggi - nel corso di un incontro tenutosi a Palazzo Vecchio - come dal primo di ottobre in avanti per eventi live di medio-piccolo richiamo in programma nel territorio comunale basterà un'unica autocertificazione. "Con questa semplificazione si potranno stimolare nuovi eventi e nuova produzione musicale", ha spiegato il sindaco.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.