Usa, anche nel primo semestre 2014 mercato discografico in calo

Per molti mercati discografici il 2013 è stato l'anno dell'inversione di tendenza, con incrementi di valore registrati in almeno otto dei 20 maggiori Paesi, e in Italia il primo semestre del 2014 si è chiuso con un balzo in avanti del 7 % sullo stesso periodo dell'anno precedente. Continua invece a soffrire il mercato statunitense, che dopo quattro anni in negativo (- 0,3 % l'anno scorso) ha ancora peggiorato la performance nel primo semestre di quest'anno scendendo a 3,2 miliardi di dollari di fatturato (- 4,9 % rispetto al gennaio-giugno 2013).

La recessione - ed è questo il fatto più preoccupante per l'industria - ha colpito anche il settore della musica digitale, in calo di mezzo punto percentuale a 2,2 miliardi di dollari in conseguenza della flessione dei download (- 11,8 % a quasi 1,3 milioni di dollari) e nonostante la crescita dei ricavi generati da abbonamenti ai servizi di streaming, + 23,2 % a 371,4 milioni di dollari, e di quelli prodotti dall'offerta gratuita sostenuta dalla pubblicità (+ 56,5 % a 164,7 milioni di dollari). Secondo l'associazione dei discografici RIAA il numero degli utenti a pagamento dei servizi di streaming è salito negli Usa da 5,5 a 7,8 milioni.

In forte calo i CD (-19,1 % per 715 milioni di dollari), ancora in crescita i dischi in vinile (+ 41 %, 6 milioni e mezzo di dollari), mentre scende anche il contributo economico delle royalty derivanti da sincronizzazioni pubblicitarie, televisive e cinematografiche (88 milioni di dollari, - 10,5 %).

A metà 2014 il digitale assorbiva negli Usa il 68 % del fatturato (41 % download, 27 % streeaming), mentre ai supporti fisici resta il 28 %, alle sincronizzazioni il 3 % e alle suonerie l'1 %.

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.