Experience Hendrix a PPX: «Ridateci i nastri, e fuori i soldi!»

Experience Hendrix a PPX: «Ridateci i nastri, e fuori i soldi!»
La Experience Hendrix - la società fondata dal padre e dalla sorellastra di Jimi Hendrix - ha intentato causa contro la PPX Enterprises di Edward Chalpin, colpevole di aver pubblicato registrazioni effettuate dallo scomparso chitarrista, nonostante un’ingiunzione (del 1973!) che le imponeva di restituire agli eredi Hendrix ogni registrazione in suo possesso, le proibiva di mettere in circolazione altre incisioni e le imponeva di pagare le royalties relative ai dischi già editi. Pare che la PPX disponga di materiale sufficiente per almeno sei album - che la Experience Hendrix sarebbe, evidentemente, ben lieta di pubblicare, nel quadro dell’abbondante programma di edizioni e riedizioni che sta portando avanti. La Experience Hendrix chiede, oltre a quanto sopra ricordato, anche una cifra non precisata di danni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.