Concerti: New Bomb Turks, unica data italiana il 1 novembre al Bloom

I New Bomb Turks, gruppo ormai leggendario della scena punk statunitense anni Novanta - esponenti di punta di quella che è stata battezzata la scena "gunk punk" - torneranno in Italia dopo oltre 10 anni di assenza dal nostro Paese (complice anche un radicale rallentamento delle loro attività: si sono sciolti ufficialmente nel 2002, ma sporadicamente si sono riuniti per qualche data occasionale).

La band di Columbus, Ohio, suonerà il 1 novembre al Bloom di Mezzago: sarà l'unica data italiana dell'anno e anche una delle uniche due date europee che la band si appresta a fare.
Il biglietto costa circa 20 euro (escluse commissioni e diritti di prevendita) ed è acquistabile tramite Ticketone e altri servizi similari.
Ad aprire la serata ci saranno gli italiani Miss Chain & The Broken Heels, band di pop punk-power pop che incide per la statunitense Burger Records. E a chiudere le danze, dopo i concerti, ci sarà un dj set curato dal Metius, frontman dei punk rocker navigati Thee STP.

I New Bomb Turks non pubblicano nuovo dal 2002, quando uscì l'album "The Night Before The Day The Earth Stood Still" per Gearhead Records; in occasione del ventennale del loro epocale album di debutto ("Destroy, Oh Boy!"), nel 2013, è inveceuscito un 10" che raccoglie alcuni demo del '92: "Tapeworm Blues: The 1992 Demos" - questa la lro ultima uscita in ordine temporale.

Il fontman Eric Davidson ha anche scritto un libro dedicato alla scena "gunk punk" (termine da lui coniato), intitolato "We Never Learn: The Gunk Punk Undergut, 1988-2001", che raconta l'epopea di una serie di band come Dwarves, Gories, Supersuckers, Mummies, Oblivians, Billy Childish, Rocket From The Crypt, Jon Spencer Blues Explosion, Cheater Slicks, Teengenerate, Donnas e molte altre.



 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.