Apple e lo scoop (smentito) di Techcrunch: quale futuro per Beats?

A smuovere le acque, qualche ora fa, è stata una voce riferita dalla testata specializzata Techcrunch, secondo la quale il piano di Apple per Beats - la società fondata da Dr Dre e Jimmy Iovine acquisita alla fine dello scorso maggio per la cifra monstre (che, poi, si scoprì non essere nemmeno troppo monstre, per la casa di Cupertino) di 3 miliardi di dollari - sarebbe molto semplice: smantellare la società senza perdere troppo tempo e chiuderla. A sostegno della tesi il sito citava diverse fonti interne al colosso informatico, che parlava di team di ingegneri spostati da Beats a altri progetti - iTunes, su tutti - e, più generalmente, di cervelli in fuga - o, meglio, fatti fuggire - dalla creatura del mentore di Eminem e Tupac.

A strettissimo giro è arrivata la puntualizzazione ufficiale dell'azienda, per bocca del portavoce Tom Neumayr: contattato da Re/Code, il responsabile delle pubbliche relazioni dell'azienda ha definito il report di Techcrunch "non vero" senza, però, aggiungere altro.

Di certo, riferiscono diversi osservatori e analisti statunitensi, qualcosa si sta muovendo nel quartier generale della casa della mela: con il famoso affare da oltre tre miliardi di dollari l'azienda un tempo guidata da Steve Jobs non solo è entrata in controllo del servizio di streaming, Beats Music, ma anche della celebre - e molto redditizia - linea di cuffie e prodotti audio, ad oggi punta di diamante (anche alla voce utili) della società di Dre e Iovine.

Sembra lecito, tuttavia, interrogarsi su quali possano essere gli scenari futuri. Il progetto di Apple, e l'operazione che ha coinvolto - e continuerà a farlo, per ancora almeno un paio d'anni - gli U2 ne è la prova più lampante, è molto più ambizioso rispetto all'impegno in un segmento di mercato - quello dello streaming - ancora relativamente vergine per la casa californiana. Per creare un nuovo formato "anti-pirateria che faccia tornare alla gente la voglia di comprare i dischi", come ha svelato Bono, occorre una vera e propria rivoluzione globale. E Beats, se non la chiave di volta, potrebbe esserne il laboratorio: perché in molti, anche dopo la smentita (vaga) di Neumayr, stanno continuando a parlare di "progressive grosse modifiche" a Beats. Un processo di mutazione continua che potrebbe culminare in un'operazione di rebranding che, quando accadrà, toglierà il velo sul piano definitivo che, nelle war room di Cupertino, dovrebbe cambiare il modo - anzi, i modi - di ascoltare la musica così come li conosciamo oggi...

Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.