Streaming in hi-fi: la domanda è in crescita, ma resterà un mercato di nicchia?

Streaming ad alta fedeltà: è una delle nuove frontiere della musica digitale, dopo anni di battaglie da parte degli audiofili e di artisti come Neil Young che, proprio in risposta al deterioramento dell'ascolto prodotto da formati compressi come l'Mp3 e l'AAC utilizzati per l'ascolto su pc , lettori portatili e smartphone, ha progettato e lanciato il player e servizio di download Pono. "E' un'evoluzione naturale del mercato", ha spiegato a Steve Knopper di Rolling Stone Andy Chen, amministratore delegato di un servizio digitale norvegese, Tidal, che da poco  ha raggiunto il mercato statunitense. "Probabilmente la musica è l'unico formato, nell'ambito dei contenuti di entertainment, in cui la gente ha accettato una qualità più bassa di quella a cui era abituata dieci anni fa. Ora stiamo dicendo che forse non è giusto che sia così: non dovrebbe essere allo stesso livello di prima? Perché dovremmo accettare che sia inferiore?".

Come Tidal, aggiunge Knopper, anche Deezer si è introdotta sul mercato Usa rivolgendosi anche a quella fetta crescente di utenti che chiede musica digitale ad alta risoluzione: i due servizi sono i primi, negli Stati Uniti, a fornire file audio in qualità "lossless", vale a dire a 1.411 kilobits al secondo in luogo dei 256 o 320 tipici dei concorrenti. "E' stata una mossa naturale creare un servizio mirato specificamente a questo segmento di appassionati audiofili", sostiene l'ad per il Nord America di Deezer Tyler Goldman. "Eravamo piuttosto sorpresi del fatto che altri non ci avessero pensato prima". Oltre alle offerte standard, infatti, Deezer propone un'opzione "elite" da 15 dollari al mese adatta alla riproduzione sui sistemi hi-fi wireless di Sonos.

Tali prodotti, osserva il giornalista di Rolling Stone, sono al momento riservati a una piccola nicchia di consumatori che spendono molto denaro in dischi in vinile, CD e impianti hi-fi. Ne vale la pena sotto il profilo economico, considerando il costo che comporta lo streaming di file molto più ampi e pesanti di quelli comunemente usati sul mercato? Secondo Goldman, "avere tutte queste canzoni in alta qualità cambia completamente le carte in tavola"; mentre secondo Bobby Owsinski, produttore e fonico che ha lavorato con Young, gli Who e altri artisti di altissimo profilo, "tutto dipende dalla risposta a questa domanda: la gente è in grado di percepire la differenza? In molti casi sì, ma in altrettanti casi no. Se fossi l'amministratore delegato di una di quelle società avrei aspettative limitate".

    Streaming ad alta fedeltà: è una delle nuove frontiere della musica digitale, dopo anni di battaglie da parte degli audiofili e di artisti come Neil Young che, proprio in risposta al deterioramento dell'ascolto prodotto da formati compressi come l'Mp3 e l'AAC utilizzati per l'ascolto su pc , lettori portatili e smartphone, ha progettato e lanciato il player e servizio di download Pono. "E' un'evoluzione naturale del mercato", ha spiegato a Steve Knopper di Rolling Stone Andy Chen, amministratore delegato di un servizio digitale norvegese, Tidal, che da poco  ha raggiunto il mercato statunitense. "Probabilmente la musica è l'unico formato, nell'ambito dei contenuti di entertainment, in cui la gente ha accettato una qualità più bassa di quella a cui era abituata dieci anni fa. Ora stiamo dicendo che forse non è giusto che sia così: non dovrebbe essere allo stesso livello di prima? Perché dovremmo accettare che sia inferiore?".

    Come Tidal, aggiunge Knopper, anche Deezer si è introdotta sul mercato Usa rivolgendosi anche a quella fetta crescente di utenti che chiede musica digitale ad alta risoluzione: i due servizi sono i primi, negli Stati Uniti, a fornire file audio in qualità "lossless", vale a dire a 1.411 kilobits al secondo in luogo dei 256 o 320 tipici dei concorrenti. "E' stata una mossa naturale creare un servizio mirato specificamente a questo segmento di appassionati audiofili", sostiene l'ad per il Nord America di Deezer Tyler Goldman. "Eravamo piuttosto sorpresi del fatto che altri non ci avessero pensato prima". Oltre alle offerte standard, infatti, Deezer propone un'opzione "elite" da 15 dollari al mese adatta alla riproduzione sui sistemi hi-fi wireless di Sonos.

    Tali prodotti, osserva il giornalista di Rolling Stone, sono al momento riservati a una piccola nicchia di consumatori che spendono molto denaro in dischi in vinile, CD e impianti hi-fi. Ne vale la pena sotto il profilo economico, considerando il costo che comporta lo streaming di file molto più ampi e pesanti di quelli comunemente usati sul mercato? Secondo Goldman, "avere tutte queste canzoni in alta qualità cambia completamente le carte in tavola"; mentre secondo Bobby Owsinski, produttore e fonico che ha lavorato con Young, gli Who e altri artisti di altissimo profilo, "tutto dipende dalla risposta a questa domanda: la gente è in grado di percepire la differenza? In molti casi sì, ma in altrettanti casi no. Se fossi l'amministratore delegato di una di quelle società avrei aspettative limitate".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.