Michael Jackson, continua in tribunale la guerra tra i produttori di ologrammi

Michael Jackson, continua in tribunale la guerra tra i produttori di ologrammi

A giugno Rockol riportava la notizia di una battaglia legale, a colpi di querele e controquerele, tra Pulse Evolution e Hologram USA, due aziende concorrenti specializzate nella realizzazione di ologrammi: la prima aveva prodotto quello utilizzato per la performance virtuale di Michael Jackson ai Billboard Music Awards del 18 maggio; la seconda - che aveva in qualche modo aperto la strada alle esibizioni virtuali di artisti defunti fabbricando l'ologramma di Tupac Shakur - sosteneva di detenere una sorta di brevetto esclusivo sull'idea e sulla tecnologia. La vicenda è tutt'altro che risolta, ma intanto Alki David, facoltoso proprietario della Hologram, ha incassato una prima vittoria parziale in California dove un tribunale ha respinto il reclamo della ditta concorrente che lo accusa di avere diffuso tramite un'intervista televisiva alla CNN informazioni false sulla paternità dell'ologramma jacksoniano, attribuendogli l'onere di specificare in cosa consisterebbe il suo millantato credito.

Il tribunale ha infatti verificato che durante l'intervista Davis non ha mai sostenuto di essere stato lui a creare l'immagine virtuale della pop star, limitandosi a spiegare metodi e tecnologie utilizzate nell'occasione e a riflettere sui loro possibili usi futuri. Cosicché, scrive nella sua sentenza, "la maggior parte delle dichiarazioni ovviamente false e ingannevoli sono state fatte dalla CNN (o dal suo intervistatore) e non dai convenuti in giudizio". Non ci sarebbero dunque prove sufficienti a stabilire che Davis fosse a conoscenza delle affermazioni dell'intervistatore o del titolo del servizio prima che questo venisse montato e messo in onda dal network televisivo. Dove Davis potrebbe avere commesso un errore tattico, rileva però Wilson, è stato nel rimettere in circolazione il filmato attraverso i suoi siti Web e il suo account Twitter, così avallando - in sostanza - quanto sostenuto dall'intervistatore e contestato da Pulse Entertainment. Toccherà comunque a quest'ultima, se vorrà portare avanti la richiesta di risarcimento danni da 10 milioni di dollari, dimostrare quando e in che modo l'intervista concessa alla CNN sia stata "ripostata" dal concorrente.

    A giugno Rockol riportava la notizia di una battaglia legale, a colpi di querele e controquerele, tra Pulse Evolution e Hologram USA, due aziende concorrenti specializzate nella realizzazione di ologrammi: la prima aveva prodotto quello utilizzato per la performance virtuale di Michael Jackson ai Billboard Music Awards del 18 maggio; la seconda - che aveva in qualche modo aperto la strada alle esibizioni virtuali di artisti defunti fabbricando l'ologramma di Tupac Shakur - sosteneva di detenere una sorta di brevetto esclusivo sull'idea e sulla tecnologia. La vicenda è tutt'altro che risolta, ma intanto Alki David, facoltoso proprietario della Hologram, ha incassato una prima vittoria parziale in California dove un tribunale ha respinto il reclamo della ditta concorrente che lo accusa di avere diffuso tramite un'intervista televisiva alla CNN informazioni false sulla paternità dell'ologramma jacksoniano, attribuendogli l'onere di specificare in cosa consisterebbe il suo millantato credito.

    Il tribunale ha infatti verificato che durante l'intervista Davis non ha mai sostenuto di essere stato lui a creare l'immagine virtuale della pop star, limitandosi a spiegare metodi e tecnologie utilizzate nell'occasione e a riflettere sui loro possibili usi futuri. Cosicché, scrive nella sua sentenza, "la maggior parte delle dichiarazioni ovviamente false e ingannevoli sono state fatte dalla CNN (o dal suo intervistatore) e non dai convenuti in giudizio". Non ci sarebbero dunque prove sufficienti a stabilire che Davis fosse a conoscenza delle affermazioni dell'intervistatore o del titolo del servizio prima che questo venisse montato e messo in onda dal network televisivo. Dove Davis potrebbe avere commesso un errore tattico, rileva però Wilson, è stato nel rimettere in circolazione il filmato attraverso i suoi siti Web e il suo account Twitter, così avallando - in sostanza - quanto sostenuto dall'intervistatore e contestato da Pulse Entertainment. Toccherà comunque a quest'ultima, se vorrà portare avanti la richiesta di risarcimento danni da 10 milioni di dollari, dimostrare quando e in che modo l'intervista concessa alla CNN sia stata "ripostata" dal concorrente.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.