Discografici contro file sharers: guerra aperta in tutta Europa

Trenta denunce penali in Italia (dove però i processi devono ancora iniziare). Diciassette rei confessi in Danimarca (che hanno accettato di pagare gli indennizzi richiesti dalle case discografiche: 3 mila euro a testa, in media). “Punizioni” esemplari in Germania (dove un ventitreenne residente a Cottbus che aveva messo in condivisione 6 mila mp3 illegali ha conciliato una multa da 8 mila euro).

La guerra dell’industria discografica europea al file sharing illegale e all’uso “improprio” delle piattaforme peer-to-peer raccoglie i primi frutti mentre prepara una nuova fase d’attacco che coinvolgerà, questa volta, anche Regno Unito, Svezia e Francia (dove un coinvolgimento governativo diretto nella lotta alla pirateria digitale è stato annunciato dal ministro dell’Industria, Patrick Devedjian). La strategia che prevede di scovare casa per casa i privati che rendono condivisibile gratuitamente attraverso il Web una gran massa di materiali protetti dal diritto d’autore continua a suscitare critiche nella comunità on-line e anche tra alcuni esperti di diritto, ma sembra risultare piuttosto efficace: la quantità di musica pirata disponibile su Internet, che aveva raggiunto nel giugno 2003 il suo picco massimo di 1 miliardo e 100 mila file, è scesa oggi a 800 milioni di file (erano 900 milioni a gennaio).

Il fenomeno, come si vede, è tutt’altro che debellato, nonostante cresca la consapevolezza tra gli utenti che il file sharing non autorizzato è reato (dichiara di esserne cosciente il 70 % degli inglesi, francesi, tedeschi e danesi interpellati da un recente sondaggio): tanto da consigliare al presidente dell’IFPI (l’organizzazione internazionale dei discografici), Jay Berman, di evitare toni trionfalistici e ottimismi prematuri.

Ma intanto l’industria musicale è convinta di avere imboccato la strada giusta, usando il bastone e la carota: alla moltiplicazione delle azioni civili e penali si accoppia il sostegno ai siti legali e a pagamento di download, cresciuti poderosamente nel numero (un centinaio nel mondo, la metà dei quali in Europa) e più lentamente, ma stabilmente, nel traffico (una media di mezzo milione di download al mese sui siti gestiti dal distributore OD2).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.