U2, 'Songs of innocence': per la Apple 'ascoltato da 33 milioni di persone'

U2, 'Songs of innocence': per la Apple 'ascoltato da 33 milioni di persone'

Dopo diversi giorni di stime ufficiose, voci, smentite e controsmentite circa l'effettiva prestazione di "Songs of innocence", il nuovo album degli U2 "regalato" da Apple ai clienti iTunes, sono finalmente arrivati i dati ufficiali: secondo il colosso informatico californiano, che - dopo le polemiche circa l'invasività dell'operazione discografica - nelle ultime ore ha offerto ai propri clienti un tutorial per rimuovere la pubblicazione dal cloud che la propria piattaforma associa agli utenti, dal giorno della sua presentazione - il 9 settembre scorso - all'ideale successore di "No line on the horizon" hanno avuto accesso circa 33 milioni di navigatori. La formula utilizzata per riferire il dato - "avere accesso" - è di rigore: nel conteggio, infatti, non sono conteggiati solo i download effettivi, ma anche i passaggi streaming registrati da iRadio e Beats, i due servizi di Apple paralleli a iTunes.

A dirsi molto soddisfatto è Eddy Cue, vice presidente della casa un tempo guidata da Steve Jobs, che ha definito in una nota la prestazione "da record" senza però commentare ulteriormente. Il dato oggettivo, è che al fronte di un potenziale bacino di ascoltatori - dichiarato dalla stessa Apple - di 550 milioni di utenti, il disco sia stato fruito da circa il 6% della platea al quale è stato proposto.

Rimangono da chiarire quali siano stati i termini della partnership stretta tra l'azienda informatica e il management del gruppo per la finestra di cinque settimane durante le quali il disco rimarrà disponibile in esclusiva, a titolo gratuito, per gli utenti: secondo il Wall Street Journal, l'accordo - che ad oggi non è stato reso noto, e che molto difficilmente verrà svelato in futuro - avrebbe visto Apple corrispondere al gruppo un totale di 100 milioni di dollari, ovviamente non per un contratto tradizionale legato al numero di copie smerciate - se così fosse, se per ipotesi tutti gli utenti iTunes avessero scaricato il disco alla casa della mela l'album sarebbe costato 20 centesimi di dollaro a copia - ma per un accordo quadro riguardante tutti i canali distributivi controllati da Apple, compresi quelli operanti nel settore streaming. Una cifra che - anche se dovesse essere reale - per la casa produttrice di iPad e iPhone rappresenta poco più che una piccola spesa quotidiana: con una capitalizzazione pari a oltre 729 miliardi di dollari e una liquidità pari a 165 miliardi di dollari, 100 milioni di dollari paiono più il budget di una discreta festa aziendale. Al netto, ovviamente, della pubblicità gratuita, della quale - pur di riflesso - stanno beneficiando anche gli U2...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.