Banco del Mutuo Soccorso, 'Un'idea che non puoi fermare': 'Ripartiamo da qui'

Banco del Mutuo Soccorso, 'Un'idea che non puoi fermare': 'Ripartiamo da qui'

A sette mesi di distanza dall'improvvisa scomparsa di Francesco Di Giacomo, penna e voce storica del gruppo, il Banco del Mutuo Soccorso è tornato ad incontrare la stampa; lo ha fatto in occasione della presentazione del nuovo progetto discografico "Un'idea che non puoi fermare", in uscita oggi: si tratta di un lavoro ideato e diretto da Vittorio Nocenzi e prodotto dal manager del Banco del Mutuo Soccorso Giancarlo Amendola per la Koning Tour (su licenza Sony Music) che, come dichiarato dallo stesso Nocenzi, vuole essere "da una parte un tributo a Francesco Di Giacomo, dall'altra la pietra miliare di un nuovo cammino": "Francesco non ha lasciato un'assenza, ma una presenza vivissima e vitale. Nei mesi successivi alla sua scomparsa sono accadute diverse strane coincidenze, tante piccole cose che personalmente ho letto come segni della sua inconfondibile presenza. Se tutto ciò significa qualcosa? Questo non lo so: quello che so è che questo album rappresenta un punto di arrivo e un nuovo punto di partenza", ha dichiarato in apertura dell'incontro con la stampa Vittorio Nocenzi, con gli occhi lucidi e la voce un po' rotta dalla commozione. Il disco, che raggiunge il mercato in formato doppio cd e triplo vinile, contiene cinquanta minuti di registrazioni inedite e le versioni "live" di diciotto brani tratti dal repertorio del Banco del Mutuo Soccorso (registrate negli ultimi due anni); al progetto, che vede protagonisti i componenti del nucleo storico della band Vittorio Nocenzi, Francesco Di Giacomo e Rodolfo Maltese (nonché i musicisti che hanno collaborato, negli anni, con il gruppo - dal primo batterista Pierluigi Calderoni a Tiziano Ricci, da Filippo Marcheggiani a Alessandro Papotto, per citarne alcuni), hanno preso parte anche alcuni attori italiani, come Rocco Papaleo e Alessandro Haber (entrambi presenti all'incontro con la stampa): "Questo è il brindisi più alto che si poteva dedicare ad un artista come Francesco Di Giacomo, un regalo che ci siamo voluti fare", ha dichiarato Vittorio Nocenzi, "volevamo far proseguire a vivere il suo talento, non solo attraverso il canto, ma soprattutto attraverso i suoi versi: tutto questo è sintetizzato in queste nuove tracce. E le sorprese non finiscono qui: stiamo continuando a lavorare al progetto, vogliamo che 'Un'idea che non puoi fermare' diventi presto un film".

È con questo spirito che Vittorio Nocenzi ha concepito un'opera che travalica la raccolta di repertorio e ne fa alchimia di sintesi tra rock, avanguardia, teatro classico, divertissement, recital e improvvisazione: "Il Banco del Mutuo Soccorso non è mai stato semplicemente una rock band, ma piuttosto un'idea, l'idea di pensare la musica come 'arte totale': quando il suono diventa immagine, le parole si trasformano in note e il gesto diventa scena. E questa idea non si vuole fermare. Non si può fermare", ha spiegato a tal proposito lo stesso Nocenzi. E ce n'è anche per gli audiofili: "Questo disco va ascoltato ad alto volume, le registrazioni nascondono accuratissimi missaggi: il mastering è stato eseguito senza l'utilizzo di compressori e limitatori, lasciando ai suoi dinamiche ampie e frequenze originali. La richezza delle frequenze, per dirla in altre parole, si estende in maniera molto ampia".

Un'idea che non si vuole fermare e un Banco del Mutuo Soccorso che guarda al futuro, dunque, come testimonia anche la nascita del progetto "Banco Factory", presentato da Vittorio Nocenzi con queste parole: "La Banco Factory è un officina creativa di talenti a sostegno di una visione artistica globale, una sorta di luogo ideale dove si 'incubamo' nuovi talenti, ai quali offriamo il nostro sostegmo artistico e morale". La Factory sta già lavorando ad un grande progetto, "Orlando", una nuova opera rock del Banco del Mutuo Soccorso ispirata all'"Orlando furioso" di Ludovico Ariosto, per la quale Francesco Di Giacomo aveva già cominciato a lavorare (le musiche, inedite, sono dei fratelli Michelangelo e Vittorio Nocenzi).

Il Banco del Mutuo Soccorso tornerà ad esibirsi dal vivo nei mesi conclusivi del 2014, per mezzo di alcuni concerti definiti dai componenti della band come "delle occasioni davvero speciali": "Sul palco sarà eseguito il repertorio classico del Banco del Mutuo Soccorso in una formula inusuale ma estremamente coinvolgente, laddove energia e poesia, rock e parole si fonderanno in un'unica dimensione: ai brani strumentali si alternerà, infatti, la recitazione dei testi di 'Un'idea che non puoi fermare', per dare vita a più di due ore di musica e versi", hanno dichiarato a tal proposito Nocenzi e soci. In occasione di questi concerti, alla band si aggiungeranno un secondo batterista e un percussionista che arricchiranno il sound del Banco del Mutuo Soccorso con timbri elettronici e suoni etnici. Il primo appuntamento è fissato per il prossimo 6 dicembre al Gran Teatro di Roma.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
31 gen
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.