Streaming nelle classifiche dei singoli: si comincia da oggi

Streaming nelle classifiche dei singoli: si comincia da oggi

Entra in vigore da oggi, come già annunciato, il conteggio dello streaming nelle classifiche ufficiali dei singoli più venduti elaborate in Italia da GfK Retail and Technology per conto di FIMI. I dati forniti da servizi specializzati come Spotify, Deezer, Google Play,Juke, Napster, Play.me, Rdio, TIMusic e Xbox Live si integrano dunque con quelli delle piattaforme di download come già avviene in altri Paesi (Austria, Finlandia, Germania, Irlanda, Olanda, Norvegia, Sud Corea, Svezia, Svizzera, Regno Unito e USA) sulla base dell'equivalenza standard che parifica 100 stream a un download. Il fattore di conversione verrà comunque rivalutato ogni 4 mesi per tenere contro dell'evoluzione del mercato, mentre per essere conteggiati in modo valido gli stream dovranno durare più di 30 secondi. Gli stessi dati verranno utilizzati anche per quanto riguarda le certificazioni delle vendite e l'assegnazione dei dischi d'oro e di platino (solo per quanto riguarda i singoli: per ora il conteggio degli stream non si applica alla categoria degli album).

Anche In Italia, secondo le rilevazioni di FIMI, lo streaming si sta consolidando come la modalità di fruizione musicale in maggiore espansione tra i consumatori (grazie a una crescita del 134 % nel primo semestre 2014 rappresenta oggi il 45 % del segmento digitale). GfK, che si occupa delle rilevazioni, ritiene che ogni settimana in Italia si attivino 16 milioni di stream gratuiti e 4 milioni "premium" (a pagamento). "La nuova classifica è un ulteriore segnale dell’innovazione in corso nel mercato digitale e riflette l’immensa popolarità che lo streaming sta avendo tra i consumatori di musica italiani", conferma il ceo di FIMI Enzo Mazza.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.