Deezer, partnership con Fastweb in Italia (e debutto in HD negli Stati Uniti)

Deezer, partnership con Fastweb in Italia (e debutto in HD negli Stati Uniti)

Abbonamento gratuito all’offerta Premium+ per i clienti Fastweb, compreso in una nuova offerta: in Italia  Deezer ha siglato una partnership con l'azienda di telecomunicazioni, per rendere disponibile il proprio catalogo di musica in streaming (35 milioni di brani), senza costi aggiuntivi. L’abbonamento Deezer Premium+ (musica in streaming da PC, Tablet, Smartphone, TV, anche off line e senza pubblicità) sarà compreso nella nuova offerta "Super Jet "di Fasteweb (Internet fino a 100 megabit al secondo e telefonate, entrambi senza limiti).

“Questa partnership è anche un passo importante per lo sviluppo di nuovi modelli di business legati alla musica digitale su un mercato complesso come quello italiano, che sta finalmente mostrando i primi segnali di crescita reale”, ha commentato Laura Mirabella, Country Manager di Deezer per l’Italia, a cui fa eco Alberto Calcagno: “Vogliamo offrire più contenuti e avere allo stesso tempo proposte commerciali sempre più convenienti per creare attorno a loro un mondo digitale che li soddisfi, che si tratti di musica, video, notizie o applicazioni”. “Il mercato italiano della musica in streaming è in forte crescita e costituisce il terreno ideale in cui essere presenti in questo momento”, conclude Christopher Coonen, COO di Deezer.

Sempre in queste ore, Deezer ha annunciato l'atteso sbarco negli Stati Uniti, previsto per lunedì 15 settembre. Il debutto sarà segnato da una nuova offerta, “Deezer Elite”, che prevede la possibilità di ascoltare audio in versione "Lossless", con uno streaming in formato FLAC (Free Lossless Audio Codec), di 1,411 kbps (ovvero i “kilobyte per second”, la quantità di dati per ogni secondo di musica: l’MP3 e lo streaming tradizionale arrivano fino a 320kpbs). La versione Elite di Deezer nasce con un’altra partnership, questa internazionale, con Sonos: “Deezer Elite” sarà inizialmente solo ai possessori di questi impianti sonori wi-fi e solo negli Stati Uniti, con diffusione globale a seguire in futuro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.