Comunicato stampa: Gem Boy in concerto sabato 29 maggio al Nautilus

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


NAUTILUS
Presenta

GEMBOY
In concerto

Sabato 29 maggio 2004 Costo del biglietto euro 11.00; orario di aperutra ore 22.00, orario d'inizio concerto ore 23.00; infoline: 0331/262061.
Il Nautilus si trova a Cardano al Campo, superstrada MI/Malpensa, uscita Casorate

Li hanno definiti la band della MUSICA CHE PENETRA! Hanno dissacrato a colpi di demenza da far invidia a Elio e le Storie Tese classici della canzone italiana e temi di cartoon manga

Dalla stessa città degli Skiantos
La nuova rivelazione del rock demenziale
GEM BOY
presentano il loro album d’esordio

INTERNETTEZZA URBANA
Un inchino ad Internet e uno schiaffo morale a chi non ci ha mai considerati una realtà discografica
Data di uscita: 31 Maggio 2004
Produzione: Lucente Records
Distribuzione: Venus

5 sono gli elementi del gruppo, 3 i demo tape all’attivo, 1 il CD ufficiale, 6.000 le copie distribuite tra CD e Cassette, più di 100 le canzoni rifatte e 1 il genere inventato: la “musica che penetra”, conosciuta anche come la “Viagra Music”.
Questa, in numeri, la storia dei Gem Boy.
Una storia che inizia nel 1993, quando un gruppo di amici si incontrano in un sexy shop e decidono, con un paio di strumenti elettro-casalinghi, di iniziare a scrivere alcune canzoncine per prendere in giro gli amici. Da quel giorno i fantastici 5, nutrendosi solo di fumetti, cartoni animati e film porno diventano un’entità unica e crescono insieme (loro dicono anche nelle dimensioni del pene).

Cercare di inquadrare il frutto del loro background culturale non è semplice.
Anche se le origini geografiche e soprattutto il loro modo di interpretare il rock si avvicina agli Skiantos (a cui hanno fatto alcune volte da spalla), in realtà il modo di suonare e di costruire testi dissacranti è più simile a quello dei primi Elio e le Storie Tese, con i quali, non a caso condividono la passione per grandi artisti come Rocco Siffredi o la mitica Cicciolina (porno star internazionali).
Ed è probabilmente la grande passione per il mondo porno che contribuisce a creare quell’atmosfera goliardica che si respira durante le esibizioni dei Gem Boy, dove, tra doppi e tripli sensi, la “gnocca” diventa protagonista, magari in versione riveduta e corretta attraverso gli occhi di Candy Candy o di Lady Oscar.
Non sono però solo i manga ad essere vittime dello loro pungenti parodie. Molti “classici” della musica nostrana ed internazionale vengono infatti storpiati per dar voce alla loro più nota creazione, con la quale si fanno beffe anche delle situazioni più delicate come le donne massacrate di botte (da “Teorema” di Marco Ferradini) o lo zio che approfitta sessualmente dei nipotini (da “Rotta per Casa di Dio” degli 883).

Per farsi un idea dei loro testi dissacranti e demenziali basta leggere i titoli della loro discografia; “Sfighbuster”, “Orgia Cartoon”, “Il Triangolo nei Bermuda” e “F.I.G.A.” sono solo alcuni dei dischi più celebri prodotti dalla band.
Ora, con l’uscita del loro nuovo lavoro Internettezza Urbana, la tradizione prosegue.
Il loro suono, una miscela di generi partendo dal pop fino passa per il rock fino ad arrivare al punk e allo ska, si presta perfettamente ad accompagnare i testi sempre più irriverenti e demenziali.
“Holly e Benji” ad esempio è il giusto accompagnamento musicale alle domande che tutti ci siamo posti sul celebre cartone, ovvero come direbbero i Gem Boy: “ma quanto cazzo è lungo ‘sto campo??!?” E poi ci sono “Quark”, “Cavalieri del 2000” e soprattutto “Donna PC” dove, in un crescendo di tastiere, i procedimenti dell’elaboratore e quelli mentali delle donne vengono accostati con risultati inaspettati.
Internettezza Urbana è inoltre un tributo ad Internet e alla sua capacità di veicolare informazioni, come sostengono i Gem Boy infatti: “l’unica realtà che se ne è fregata delle regole e dei cliché vigenti, che è stato allo stesso tempo sostenitore, veicolo e canale del verbo dei Gem Boy è sempre stato Internet. Facciamo allora un bell’omaggio a questo mondo virtuale e a tutti gli autori anonimi che come noi hanno trovato spazio solo su questo mezzo di comunicazione”. Quindi se non vi scandalizzate per qualche parolaccia, se vi sentite pronti a tutto, non perdetevi il loro ultimo disco: Internettezza Urbana.

La nuova generazione di dementi alla Elio e Le Storie Tese parte da qui.

I GEM BOY SONO
Carlo Sagradini .- Voce
Davide Fiorello - chitarra
Siro Bonfiglioli - Basso
Max Vicinelli - Batteria
Marco Sangiorgi - Tastiere

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.