Peter Hammill, un nuovo album (ed una piccola chiacchierata con Rockol)

Peter Hammill, un nuovo album (ed una piccola chiacchierata con Rockol)
E' in arrivo in questi giorni nei negozi di dischi "Incoherence", il nuovo album di Peter Hammill nonché suo primo dopo i noti problemi di salute dei quali Rockol riportò lo scorso 1° marzo. Hammill, nato a Londra il 5 novembre '48, fu uno dei fondatori (con Chris "Judge" Smith e Nick Peame) dei semileggendari Van der Graaf Generator, gruppo molto attivo tra '68 e '72 e che, specialmente in Italia, assurse ad uno status di grande notorietà. I VdGG si sciolsero ufficialmente nell'estate '72. Hammill debuttò come solista già nel luglio '71, con "Fool's mate", pubblicando poi altri 4 dischi a sua firma prima del ricompattamento (di breve durata) dei Generator. Il musicista ha quindi generato un album solista all'anno (tranne che nel 1977, 1984, 1987 e 1995) dal '76 al 2002. Nel 2002, appunto, l'uscita di quello che fino a poco tempo fa era stato il suo ultimo lavoro, "Clutch". A mezzogiorno del 7 dicembre 2003, mentre stava passeggiando sulle sponde del Tamigi, Hammill ha avuto un infarto. Ora l'artista si considera "a rischio molto basso". La domanda forse più importante d'ogni altra: come stai, Peter? Hammill ci risponde al telefono dai pressi di Bath: "Mi sento in forma, grazie. Non mi sembra d'avere problemi anche se ovviamente devo stare un po' attento a certe cose. In particolare, naturalmente, devo continuare ad essere un ex fumatore. L'angiografia l'ho fatta, i risultati sono stati abbastanza buoni. Qualche danno al cuore, ma non c'è bisogno d'altre operazioni. Generalmente mi sembra di star bene". Si dice che tu voglia riprendere l'attività live. Giusto? "Sì, nella seconda metà dell'anno. Non ho ancora un piano globale, ma certo che mi piacerebbe poter fare un tour completo. Per il momento ho fissato delle sole date in Giappone, che si svolgeranno nel prossimo novembre". Ti vedremo anche in Italia? "Ah, certo che mi piacerebbe. Anzi, mi piacerebbe trascorrere nel tuo Paese anche due o tre settimane. Ma vedremo". Guardandoti indietro, se dovessi spiegare come mai la tua vecchia band fu così popolare in Italia, cosa diresti? "Bella domanda. Non so, però penso che si sia trattato di un tempismo perfetto. Credo che in Italia in quel periodo vi fossero parecchi gruppi rock, ma probabilmente non ve ne erano molti che facevano le cose dei Van der Graaf. Per noi fu un periodo molto bello, veramente meraviglioso".
"Incoherence" (in Italia su Self Distribuzione, produzioni Novunque, info 02-4235596) non è un album facile. Ma è musica intelligente, atmosferica, un'opera strutturata più come una lunga suite che su singole canzoni. Non è facile, ma ciò non significa che si tratti di un disco cervellotico o cerebrale. Sono discese nei meandri della parola, con un sound che pare senza tempo e subitanei sprazzi di prog che si dissolvono su lande sospese. Un disco prezioso, che fa pensare e che può lasciare attoniti. Ma nel senso migliore del termine.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.