Twitter: Eminem e altri vendono direttamente prodotti sul social network

La musica è uno degli argomenti di conversazione preferiti su Twitter, dove i maggiori artisti pop capeggiano stabilmente le graduatorie delle celebrità con il maggior numero di followers: logico, dunque, che la comunità musicale accolga con grande interesse la notizia che sul social network sarà disponibile da domani - per ora solo negli Stati Uniti - un pulsante "buy" che consente l'acquisto immediato di dischi, magliette e altre merci. Anche perché tra i primi a sperimentare la nuova funzione - per ora solo negli Stati Uniti - figurano nomi di richiamo come il cantante country Brad Paisley, i Soundgarden, Ryan Adams, i Panic! At the Disco e, soprattutto, Eminem e Pharrell Williams.

"Presentiamo questo prodotto con l'intenzione di svilupparlo fino a coinvolgere il maggior numero di fan e di rivenditori nel mondo, ma abbiamo voluto partire in sordina e a ranghi ridotti", ha spiegato a Billboard Nathan Hubbard, esperto di vendite "direct-to-fan" che l'anno scorso aveva abbandonato il ruolo di ex amministratore delegato di Ticketmaster per entrare nelle fila di Twitter. "Domani (9 settembre) il programma avrà inizio rivolgendosi solo a una piccola percentuale della nostra base utenti e con gli artisti che vedete, ma nelle prossime settimane e nei prossimi mesi le cose sono destinare ad accelerare velocemente".

I primi partner commerciali - tutti specializzati nell'e-commerce diretto - sono le piattaforme Fancy, Gumroad, Musictoday e Stripe: secondo quanto preannunciato sul blog di Twitter, gli utenti potranno essere informati direttamente dall'artista di cui sono follower della disponibilità di prodotti esclusivi e acquistarli senza abbandonare il social network attivando le app per Android e iOS integrate nel servizio. Per effettuare il pagamento sarà ovviamente necessario registrarsi e rilasciare i propri dati personali; custodite in sicurezza, le informazioni potranno essere successivamente modificate o cancellate dal titolare.

"Nel quadro di questo test stiamo lavorando con molti artisti", ha detto Hubbard a proposito dell'iniziativa che coinvolge anche imprese commerciali e enti di beneficenza e senza fini di lucro. "Ovviamente c'è un motivo: Twitter li mette in contatto con i fan in un modo che risulta impossibile a qualunque altra piattaforma, dandogli la possibilità di connettersi non solo a quelli che li seguono ma a tutti gli appassionati che su di loro intrattengono una conversazione. (...) Quel che abbiamo fatto è stato fornire agli artisti un modo di intrattenere una conversazione diretta con i fan; e ora, quando è il caso, di trasformare quelle conversazioni in transazioni commerciali in un modo che risulti divertente e significativo per gli appassionati e di gradimento per gli artisti stessi". "Il nostro", aggiunge Hubbard, "è semplicemente lo strumento che colma il gap tra la scoperta di un prodotto e il momento della sua conversione in una vendita".

    La musica è uno degli argomenti di conversazione preferiti su Twitter, dove i maggiori artisti pop capeggiano stabilmente le graduatorie delle celebrità con il maggior numero di followers: logico, dunque, che la comunità musicale accolga con grande interesse la notizia che sul social network sarà disponibile da domani - per ora solo negli Stati Uniti - un pulsante "buy" che consente l'acquisto immediato di dischi, magliette e altre merci. Anche perché tra i primi a sperimentare la nuova funzione - per ora solo negli Stati Uniti - figurano nomi di richiamo come il cantante country Brad Paisley, i Soundgarden, Ryan Adams, i Panic! At the Disco e, soprattutto, Eminem e Pharrell Williams.

    "Presentiamo questo prodotto con l'intenzione di svilupparlo fino a coinvolgere il maggior numero di fan e di rivenditori nel mondo, ma abbiamo voluto partire in sordina e a ranghi ridotti", ha spiegato a Billboard Nathan Hubbard, esperto di vendite "direct-to-fan" che l'anno scorso aveva abbandonato il ruolo di ex amministratore delegato di Ticketmaster per entrare nelle fila di Twitter. "Domani (9 settembre) il programma avrà inizio rivolgendosi solo a una piccola percentuale della nostra base utenti e con gli artisti che vedete, ma nelle prossime settimane e nei prossimi mesi le cose sono destinare ad accelerare velocemente".

    I primi partner commerciali - tutti specializzati nell'e-commerce diretto - sono le piattaforme Fancy, Gumroad, Musictoday e Stripe: secondo quanto preannunciato sul blog di Twitter, gli utenti potranno essere informati direttamente dall'artista di cui sono follower della disponibilità di prodotti esclusivi e acquistarli senza abbandonare il social network attivando le app per Android e iOS integrate nel servizio. Per effettuare il pagamento sarà ovviamente necessario registrarsi e rilasciare i propri dati personali; custodite in sicurezza, le informazioni potranno essere successivamente modificate o cancellate dal titolare.

    "Nel quadro di questo test stiamo lavorando con molti artisti", ha detto Hubbard a proposito dell'iniziativa che coinvolge anche imprese commerciali e enti di beneficenza e senza fini di lucro. "Ovviamente c'è un motivo: Twitter li mette in contatto con i fan in un modo che risulta impossibile a qualunque altra piattaforma, dandogli la possibilità di connettersi non solo a quelli che li seguono ma a tutti gli appassionati che su di loro intrattengono una conversazione. (...) Quel che abbiamo fatto è stato fornire agli artisti un modo di intrattenere una conversazione diretta con i fan; e ora, quando è il caso, di trasformare quelle conversazioni in transazioni commerciali in un modo che risulti divertente e significativo per gli appassionati e di gradimento per gli artisti stessi". "Il nostro", aggiunge Hubbard, "è semplicemente lo strumento che colma il gap tra la scoperta di un prodotto e il momento della sua conversione in una vendita".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.