Sondaggio Nielsen: anche in Italia p2p e file sharing in calo

Sarà interessante, tra qualche mese, misurare gli effetti pratici e psicologici della nuova legge Urbani (che usa il pugno di ferro contro il file sharing a scopo di profitto, adottando una linea più morbida verso il downloading “privato”) sul comportamento di chi, nel nostro paese, scarica abitualmente film e musica da Internet. Un primo segnale, nel frattempo, arriva da un sondaggio realizzato dall'istituto di ricerche ACNielsen CRA per conto di FPM, l'organizzazione antipirateria del settore musicale: e sembra indicare un calo dell'abitudine di procurarsi musica gratuitamente in rete, complice anche l'opera di informazione e la lotta ai “pirati” telematici a cui l'industria discografica si è dedicata negli ultimi tempi.
Nielsen ha intervistato sull'argomento 4.700 italiani dai 14 anni in su, mettendo a confronto le risposte fornite nel dicembre 2003 con quelle dell'aprile 2004, quando i contenuti del nuovo decreto legge erano già stati resi noti dagli organi di stampa: ne risulterebbe che il pubblico nazionale è oggi più consapevole del rischio di incorrere in sanzioni ed in azioni legali quando si scarica illegalmente musica da Internet (dichiara di esserne a conoscenza il 24,2 %) e che “solo” il 56 % di coloro che pratica abitualmente il downloading intende continuare a farlo anche in futuro (erano il 67,5 % a dicembre 2003); mentre è in forte diminuzione anche il numero di coloro che sono convinti che non ci sia nulla di male nell'acquistare o avere in casa un CD masterizzato (dal 51,2 % al 37,4 %). Risulta in calo, dal sondaggio, anche l'uso dei sistemi peer to peer come canale preferenziale per procurarsi musica gratis: alla flessione dei siti più celebri e monitoriati, Winmx (dal 61 al 42,2 %) e KaZaA (dal 39,9 al 22,6 %), corrisponde la crescita più modesta di alternative come emule e Bearshare (dal 4 all'11 %). Anche, probabilmente, per timore di ritorsioni e punizioni, si preferisce utilizzare i computer di scuole, università e uffici per scaricare a sbafo, piuttosto che collegarsi alla rete da abitazioni private.
Le dimensioni del fenomeno restano tuttavia rilevanti: più di un italiano su cinque (11,4 milioni di persone) di età superiore ai 14 anni possiede un CD masterizzato, mentre sarebbero circa 3,8 milioni (il 7,6 % del totale degli utenti Internet nel paese, oltre 17 milioni) coloro che continuano a scaricare musica senza pagare. Il 3,9 % della popolazione, 1,9 milioni di persone, sembra disposto ad acquistare musica da siti legali: ma la percentuale è molto superiore, 17,6 %, se calcolata sul numero dei downloader abituali. Sempre che le intenzioni dichiarate corrispondano alla effettiva realtà dei fatti: il nodo su cui si giocano le aspettative e il futuro dell'industria discografica.
Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.