Comunicato Stampa: Howard Jones in concerto ad Asti

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Comunicato stampa Howard Jones in concerto

Howard Jones è considerato uno dei più innovativi tastieristi britannici dell'ultimo ventennio, oltre che cantante di grande successo.
Con oltre 8 milioni di copie vendute in tutto il mondo, artefice di hit da alta classifica come "What is love", "No one is to blame", "Things can only get better", "Lift me up", "Like to get to know you well" e molti altri, Howard Jones vanta collaborazioni con i più grandi artisti, come Greg Palmer (ELP), Phil Collins e Ringo Starr (Beatles). Giovedì 30 settembre Howard Jones sarà ad Asti per uno speciale concerto acustico al Teatro Alfieri, un evento eccezionale realizzato da Ondesferiche in collaborazione con la FML Productions e howardjones.com. Sarà una bella occasione per poter ascoltare tutti i suoi classici ed i brani del nuovo album in uscita a fine anno. Howard Jones inizia la sua ascesa nel 1983 entrando direttamente al terzo posto delle classifiche inglesi con il singolo “New song”. Pochi mesi dopo con il primo album “Human’s Lib” raggiunge il primo posto non solo nel Regno Unito ma in molti altri paesi europei. Con la canzone “What is love” conquista il disco d’oro anche negli Usa, in Giappone e in Australia. Nel 1985 il successivo album “Dream into action” gli fa guadagnare, oltre al primo disco di platino, una seguito sempre maggiore anche in Italia. Dietro la spinta di singoli di grande successo radiofonico come “Things can only get better” e “No one is to blame” (quest’ultima cantata in duetto con Phil Collins), l’album resta nella Top 20 europea e americana per quasi un anno.
Tra il 1987 pubblica altri tre album di successo, seguiti da tour mondiali di grande richiamo che lo porteranno a suonare in luoghi prestigiosi come il Madison Square Gardens di New York e l’arena di Wembley a Londra. E’ del 1992 il singolo “Lift me up” che lo vede nuovamente in cima alle classifiche Usa. Esce invece l’anno dopo la raccolta “The best of Howard Jones” (contenente anche una splendida cover di “IGY” di Donald Fagen), che risulta vendutissima in tutto il mondo. Nel 1999 esce l’album “People”, da molti considerata la sua opera migliore, contenente “Let the people have their say”, canzone che si piazza bene nella Top 30 Europea. Nel 2001 affianca Ringo Starr dei Beatles in un lungo tour americano, esperienza testimoniata anche nell’album “Ringo and his new All Starr band”, e nello stesso anno completa un nuovo acclamato tour mondiale da solista che lo consacra come “mago della tastiera” .
Per festeggiare i vent’anni della sua carriera, Howard Jones ha appena pubblicato una nuova raccolta e ha iniziato il nuovo giro di concerti con un tutto esaurito allo Sheperd’s Bush di Londra. Ad Asti Howard Jones si presenta in veste acustica con un concerto voce e pianoforte, accompagnato dal chitarrista Robin Boult, durante il quale ripropone tutti i suoi grandi successi. La data astigiana è un’esclusiva assoluta, dopo la quale l'artista intraprenderà un nuovo giro di concerti tra Inghilterra e Stati Uniti. Tutte le informazioni sul concerto si possono trovare sul sito ufficiale dell’artista, in una sezione speciale dedicata all’evento: http://www.howardjones.com/HoJo/asti.htm , dove è anche possibile prenotare i biglietti per le prime file. Presto verranno annunciati anche i negozi presso i quali sarà possibile acquistare in prevendita i biglietti.

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.