Dopo il tour di Brian Wilson, 'Smile' dei Beach Boys diventa finalmente un disco

Dopo il tour di Brian Wilson, 'Smile' dei Beach Boys diventa finalmente un disco
Trentasette anni e otto mesi dopo l'abortita pubblicazione da parte della Capitol (annunciata da una celebre inserzione pubblicitaria su Billboard del dicembre 1966) arriverà finalmente nei negozi uno dei più acclamati oggetti misteriosi della storia del pop, il leggendario “Smile” dei Beach Boys: misterioso fino ad un certo punto, in realtà, perché molte delle canzoni destinate originariamente a quel progetto (“Heroes and villains”, “Surf's up”, “Cabin Essence”, “Wonderful”, “Do you like worms”, “Vega-tables”…) affiorarono successivamente su altri dischi del gruppo californiano a cominciare da quel “Smiley smile” che, proprio lo stesso anno, cercò senza troppo successo di rattoppare lo strappo, motivato da questioni economiche, tra gruppo e casa discografica recuperando almeno una parte delle preziose “session perdute”.
L'interesse e la curiosità mai sopite nei confronti dell'ambiziosa e incompleta opera di Brian Wilson (da lui stesso definita “una sinfonia adolescenziale dedicata a Dio”), iniziata nel 1966 e abbandonata l'anno successivo in seguito alla lite giudiziara con la Capitol, si è ravvivato una volta di più negli ultimi mesi dopo che la mente geniale ma fragile dei Ragazzi da Spiaggia ha deciso di rimettere mano al progetto e di ripresentarlo in concerto (l'attesissima prima ha avuto luogo il 20 febbraio scorso alla Royal Festival Hall di Londra). Era logico, a quel punto, immaginare un sbocco discografico, di cui ora arriva conferma ufficiale: sarà la Nonesuch, etichetta d'autore del gruppo Warner, a pubblicare “Smile” il prossimo 28 settembre, in una nuova versione incisa con il gruppo che accompagna attualmente Wilson in concerto più gli archi e i fiati dello Stockholm Strings and Horns Ensemble, sulla base delle nuove partiture e arrangiamenti elaborati con la collaborazione di Van Dyke Parks (autore dei testi originali delle canzoni) e del tastierista/direttore musicale Darian Sahanaja. La scaletta, di cui mancano per ora ulteriori dettagli, includerà titoli d'epoca ma anche brani nuovi composti per l'occasione dalla coppia Wilson-Parks e già eseguiti in concerto.
Per Brian Wilson, a lungo distante dai circuiti del music business a causa dei ben noti problemi di instabilità mentale, il 2004 è un anno davvero fitto di impegni: “Smile” sarà presentato in tour prima la prossima estate in Gran Bretagna e in Europa, poi negli Stati Uniti in autunno, ma già il mese prossimo sarà nei negozi il suo nuovo album solista per la Rhino Records, “Gettin' in over my head”, con ospiti come Paul McCartney, Eric Clapton ed Elton John.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.