Arriva l’album di debutto degli Ordinary Boys (Morrissey, NME)

Gli Ordinary Boys hanno deciso d’essere così chiamati perché particolarmente colpiti da un passaggio di una canzone di Morrissey (“Ordinary boys, happy knowing nothing/Happy being no-one but themselves”), anche se la loro musica viene generalmente più accostata a quella del periodo frizzante dei Blur.

Quali sono i dieci gruppi sui quali puntare nel 2004? Quali sono le 10 band più hot e che più faranno tendenza? A queste domande il New Musical Express rispose nello scorso gennaio con una cover story che fu ripresa da Rockol il 31 gennaio. Ebbene, al numero 6 c’erano proprio gli Ordinary Boys. Il loro singolo d'esordio, "Maybe someday", era stato descritto come una sorta di cantato alla Billy Bragg, cose alla Blur del periodo di "Popscene" e riff di Johnny Marr. “Il frontman si chiama Preston, viene da East Preston, una zona di Brighton, ha 21 anni ed è apparso sulla copertina del 29 novembre 2003 dell'NME per il servizio sulla "cool list" ancor prima che i Boys pubblicassero il primo singolo”, scriveva l’NME. Da notare che il primo nucleo del gruppo venne assemblato ad East Preston quando Preston aveva tredici anni ed il bassista undici. "Gli Ordinary Boys nel 2004 sono ciò che Dizzee è stato lo scorso anno, Mike Skinner nel 2002 e ciò che i Jam sono stati nel 1979", scrisse il giornalista Imran Ahmed. Ed ora la band si appresta a pubblicare l’album d’esordio. Il CD si intitola “Over the counter culture” e sarà nei negozi il prossimo 28 giugno. Il nuovo singolo, “Talk talk talk”, sarà invece disponibile dal 14 giugno. Il disco contiene questi brani:.


"Over the counter culture"
"The list goes on"
"Week in, week out"
"Talk talk talk"
"Little bitch"
"Settle down"
"Weekend revolution"
"Maybe someday"
"Just a song"
"Seaside"
"In awe of awful"
"Robots and monkeys".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.