Chiodaroli (ex EMI) confermato alla presidenza di SCF

Chiodaroli (ex EMI) confermato alla presidenza di SCF
Portare l’Italia tra i primi cinque paesi al mondo nella raccolta dei diritti connessi (le somme di denaro che le case discografiche raccolgono, anche per conto degli artisti, dagli utilizzatori di musica registrata: radio, televisioni, webcaster, operatori telefonici, locali pubblici): con questo programma ambizioso Gianluigi Chiodaroli resterà per altri due anni alla guida della SCF - Società Consortile Fonografici per Azioni, l’agenzia di “collecting” che da quattro anni rappresenta le maggiori etichette italiane nelle trattative che riguardano il pagamento di royalty e diritti per lo sfruttamento economico del repertorio.
Durante il suo precedente mandato, la società ha incrementato la raccolta di denaro da 13,60 a quasi 18 milioni di euro, siglando o rinnovando accordi economici con televisioni a carattere nazionale (RTI/Mediaset e Rete A), con i rappresentanti della piccola emittenza radiotelevisiva (FRT e Aranti Corallo) e con le associazioni di categoria della grande distribuzione (Coop, Faid, ecc). “Come nel biennio precedente”, ha dichiarato il neoconfermato presidente illustrando il suo programma, “cercheremo da un lato di rafforzare la struttura, dall'altro punteremo a espandere l'attività verso le nuove opportunità di business come il webcasting e la telefonia mobile”
Laureato in giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano, Chiodaroli ha alle spalle una lunga esperienza nel settore discografico: prima all’ufficio legale della Ricordi e poi, dal 1994 fino al marzo scorso (vedi News), alla EMI, dove negli ultimi due anni ha ricoperto l’incarico di Vice President Human Resources and Strategic Business Development. Nel 2000 è stato tra i promotori della costituzione della SCF.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.