Taranta e dischi d'autore: la boutique dei suoni di Vittorio Cosma

Il 17 agosto del 2003 la località pugliese di Melpignano fu teatro di una trascinante “Notte della Taranta”, performance a metà tra concerto e rito magico-ancestrale che vide esibirsi accanto ad un ensemble di tamburellisti e danzatori locali il batterista Stewart Copeland, i percussionisti inglesi della Orchestralli, Raiz, Teresa De Sio, Ares Tavolazzi, Giancarlo Parisi e i Radio Dervish. Ora quella esibizione, che si tenne davanti a un pubblico stimato in 45 mila persone, sta per diventare un disco (pubblicazione prevista a giugno): uno dei primi ad uscire per la Gong del produttore, compositore e musicista Vittorio Cosma che con Copeland sta ultimando proprio in questi giorni, alle Officine Meccaniche di Mauro Pagani, i missaggi dell’album, frutto di una coproduzione tra la sua etichetta, l’Unione dei Comuni della Grecia Salentina (titolare del marchio Notte della Taranta) e la Ponderosa Music di Titti Santini. “Stewart si trovava in tour in Italia e venne coinvolto nel progetto dagli amministratori locali”, ricorda ora Cosma. “Ci siamo conosciuti, abbiamo trovato molti punti di contatto e ci siamo messi a lavorare insieme, a distanza, riarrangiando i motivi della tradizione salentina”.
    Il 17 agosto del 2003 la località pugliese di Melpignano fu teatro di una trascinante “Notte della Taranta”, performance a metà tra concerto e rito magico-ancestrale che vide esibirsi accanto ad un ensemble di tamburellisti e danzatori locali il batterista Stewart Copeland, i percussionisti inglesi della Orchestralli, Raiz, Teresa De Sio, Ares Tavolazzi, Giancarlo Parisi e i Radio Dervish. Ora quella esibizione, che si tenne davanti a un pubblico stimato in 45 mila persone, sta per diventare un disco (pubblicazione prevista a giugno): uno dei primi ad uscire per la Gong del produttore, compositore e musicista Vittorio Cosma che con Copeland sta ultimando proprio in questi giorni, alle Officine Meccaniche di Mauro Pagani, i missaggi dell’album, frutto di una coproduzione tra la sua etichetta, l’Unione dei Comuni della Grecia Salentina (titolare del marchio Notte della Taranta) e la Ponderosa Music di Titti Santini. “Stewart si trovava in tour in Italia e venne coinvolto nel progetto dagli amministratori locali”, ricorda ora Cosma. “Ci siamo conosciuti, abbiamo trovato molti punti di contatto e ci siamo messi a lavorare insieme, a distanza, riarrangiando i motivi della tradizione salentina”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.