Emergenza crisi, la discografia francese instaura un dialogo coi sindacati

Si apre l’era della concertazione, nel disastrato (come tanti altri) mercato discografico francese. Preoccupate dalle notizie che danno per imminenti nuovi licenziamenti in massa (70 dipendenti su 340 alla EMI, 56 su 181 alla Warner), le rappresentanze sindacali delle cinque major hanno chiesto e ottenuto un incontro con l’industria a cui sono intervenuti, negli uffici dell’associazione dei discografici SNEP, il direttore generale della stessa Hervé Rony più quello della UPFI (etichette indipendenti), Jérome Roger.

In discussione i metodi impiegati dalle case discografiche per far fronte ad una crisi di vendite che in Francia sembra aggravarsi di giorno in giorno (i dati del primo trimestre 2004 preannunciano un ulteriore crollo del 30 %); ma da parte dei sindacati è arrivata una critica diretta anche all’esosità delle pop star. “Certi artisti esigono troppo”, ha detto il delegato Warner Jean-Luc Lefèvre. “Ogni artista sovraesposto ne nasconde altri dieci che non vendono abbastanza: bisogna tornare a modelli economici più sostenibili”.
L’incontro, chiusosi con soddisfazione reciproca delle parti, ha avuto anche uno sbocco concreto: la creazione di una commissione incaricata di discutere di questioni occupazionali nel settore discografico e composta paritariamente da SNEP, UPFI e sindacati. Una volta ottenuto il via libera ufficiale dal direttivo SNEP, il nuovo organismo potrà iniziare i lavori: una prima riunione è già stata fissata per il 14 maggio.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.