Le 100 migliori canzoni di protesta: vince Bob Dylan

Le 100 migliori canzoni di protesta: vince Bob Dylan
Il giorno dopo la pubblicazione della lista delle 50 canzoni peggiori d'ogni tempo, elenco curato dalla rivista statunitense "Blender", il mensile musicale britannico "Mojo" riporta quelle che, secondo la sua redazione, sono le 100 migliori canzoni di protesta. Al primo posto c'è "Masters of war" di Bob Dylan, il brano pacifista contenuto in "Freewhelin'" del 1963. Questa la lista dei primi dieci brani:
1 Bob Dylan, "Masters of war"
2 Pete Seeger, "We shall overcome"
3 James Brown, "Say it loud, I'm black and I'm proud"
4 Sex Pistols, "God save the queen"
5 Billie Holiday, "Strange fruit"
6 John Lennon, "Give peace a chance"
7 Sam Cooke, "A change is gonna come"
8 Wailers, "Get up, stand up"
9 Marvin Gaye, "Inner city blues (make me wanna holler)"
10 NWA, "Fuck tha police".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.