Brian Eno curatore di un box set di Fela Kuti. VIDEO

Brian Eno curatore di un box set di Fela Kuti. VIDEO

Una decina di anni fa Brian Eno ha dichiarato a un intervistatore che Fela Kuti era l'artista di cui possedeva più dischi, e che li riascoltava in continuazione, aggiungendo che uno dei suoi rimpianti era di non aver mai prodotto un album dell'artista nigeriano, e che spesso la notte restava sveglio a immaginare come sarebbe stato quel disco. Più recentemente, il comunicato stampa di "High life", il secondo disco in coppia di Eno con Karl Hyde, specificava che l'ispirazione della musica veniva "dal minimalismo ripetitivo di Steve Reich e Philip Glass e dalla musica poliritmica di Fela Kuti".
Con queste premesse, non c'è da stupirsi alla notizia che Brian Eno è il curatore di un box set di lavori del musicista scomparso nel 1997. Al catalogo di Fela Kuti sono già state dedicate almeno un paio di raccolte: una del 2011 curata da Questlove dei Roots, una curata da Ginger Baker dei Cream (che con Kuti ha suonato in un paio di album all'inizio degli anni Settanta). Senza dimenticare "Red Hot + Fela", un album della serie "Red Hot +" uscito lo scorso anno e contenente 13 brani di Kuti eseguiti da nomi come tUnE-yArDs, Questlove, Angelique Kidjo, My Morning Jacket, Kronos Quartet. In quell'occasione Brian Eno aveva rilasciato l'intervista che potete vedere qui:






Ora la Knitting Factory Records annuncia la pubblicazione, per il 29 settembre, di un box set contenente sei album: "London scene" del 1971, "Shakara" del 1972, "Gentlemen and afrodisiac" del 1973, "Zombie" e "Upside down", del 1976, e "I.T.T.", del 1980. Il box conterrà un libretto con una presentazione di Brian Eno, una serie di interventi dello studioso di afrobeat Chris May, e i testi delle canzoni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.