La FIMI contro il decreto Urbani: 'Meglio che salti'

Il decreto legge Urbani, che dovrebbe inasprire la lotta alla distribuzione elettronica “pirata” di prodotti cinematografici e anche musicali, non soddisfa l'industria discografica italiana. Anche perché le dichiarazioni rilasciate ultimamente ai giornali dal ministro per i Beni Culturali lasciano intendere un'intenzione di colpire pesantemente chi pratica il file sharing non autorizzato a fini di lucro, ma non chi vi ricorre per uso personale, com'è il caso di molti giovani utenti della Rete. “Perché allora non fare un decreto legge che preveda l'ingresso gratis negli stadi per i giovani, oppure stabilire che ai giovani è consentito viaggiare senza biglietto sui tram o rubare a scopo individuale?”, contesta il direttore generale della FIMI Enzo Mazza. “Stiamo andando verso l'approvazione di una norma che ridurrà il livello di protezione della musica in Italia dopo una direttiva approvata un anno fa, altro che combattere con determinazione la pirateria come ha affermato il Presidente Ciampi”, aggiunge Mazza. “E' una situazione paradossale, a questo punto è meglio che il decreto salti".
Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.