Poptones in stallo, lo scopritore degli Oasis ci riprova con la Universal

Passati i tempi d'oro della Creation e degli Oasis, Alan McGee non ha avuto altrettanta fortuna con la sua successiva impresa discografica, Poptones. Il tentativo di risollevare le sorti del marchio e le sue quotazioni personali passa ora per un contratto di marketing e distribuzione siglato con la Mercury Records (Universal) che lascia al distributore precedente, Pinnacle, la facoltà di esercitare un'opzione, volta per volta, sui singoli pubblicati dall'etichetta.
McGee avrà a disposizione un ufficio presso il reparto A&R della Mercury, in aggiunta a quello da cui dirige la Poptones a Londra, e l'annuncio del primo contratto artistico è questione di giorni. Nel 2000 la sua società era stata quotata in Borsa: l'operazione però non aveva avuto successo e l'imprenditore scozzese si era visto costretto a riprendere in mano l'intero capitale. Da allora (è passato quasi un anno) l'etichetta è rimasta in stallo. Ma il presidente della Universal Music inglese, Lucian Grainge, continua a mostrare piena fiducia nell'uomo che, oltre alla band dei fratelli Gallagher, portò al successo gruppi come Primal Scream e Jesus and Mary Chain prima di vendere la sua creatura alla Sony Music (per 17 milioni di sterline, 25,74 milioni di euro, a fine '99). “Alan”, ha detto Grainge, “è uno spirito anarchico che attrarrà alla Mercury gruppi altrettanto anarchici e poco ortodossi”. “E ha un'abilità innata di scovare band che riflettono gli umori del paese”, ha aggiunto il suo braccio destro Greg Castell.
Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.