Vevo: Universal e Sony vogliono vendere, ma prima devono raddrizzare i conti

Vevo: Universal e Sony vogliono vendere, ma prima devono raddrizzare i conti

L'intenzione delle major discografiche Universal e Sony Music di vendere il pacchetto di maggioranza della piattaforma di video musicali Vevo è ormai confermata da molteplici fonti: secondo il sito re/code, tuttavia, prima di potersi proporre a un investitore la società ha necessità di riequilibrare il suo conto profitti e perdite. Vevo, ricorda re/code, genera ogni mese sei miliardi di visualizzazioni e lo scorso anno ha incassato 250 milioni di dollari grazie agli spot pubblicitari che precedono la visione di filmati e videoclip. Il problema è che oltre il 90 per cento di quelle somme è destinato ai fornitori e distributori di contenuti, case discografiche, editori musicali e Google (proprietaria di YouTube, il partner principale, e a sua volta investitore di Vevo); quel che rimane non è per ora sufficiente a tenere in attivo il bilancio e costringe la società a operare costantemente in perdita.

Per questo motivo, spiega un'altra fonte online (The Information), le major proprietarie hanno incaricato Goldman Sachs e il Raine Group di raccogliere sul mercato capitali aggiuntivi. Queste ultime starebbero anche cercando di convincere Universal e Sony a ridursi volontariamente la quota di ricavi - attualmente valutata intorno al 55 per cento - così da consentire a Vevo di generare profitto e di alzare il suo valore di mercato: la loro rinuncia a pochi punti percentuali, secondo alcuni calcoli, potrebbe fare salire la valutazione a una cifra compresa tra i 700 milioni e il miliardo di dollari.

Il potenziale della piattaforma è giudicato altissimo, e molti sono i nomi che si fanno a proposito di aziende interessate all'acquisto (circolano i nomi di Liberty Media e Chernin Group, oltre a quello di DreamWorks Animation che avrebbe già presentato una proposta formale, ma qualcuno parla anche di un interesse da parte dei pesi massimi del Web come Apple, Amazon, Yahoo e la stessa Google). Tuttavia al momento, secondo un insider che ha avuto accesso ai bilanci, la società "vale meno di zero. Perché qualcuno si decida a rilevarla, bisognerebbe pagarlo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.