NEWS   |   Industria / 27/07/2014

Buffalo, cameriera di fast food non riconosce Aretha Franklin e la maltratta

Buffalo, cameriera di fast food non riconosce Aretha Franklin e la maltratta

Ai clienti di Johnny Rockets, catena statunitense di fast food, non è consentito consumare il pasto acquistato come "take away" ai tavoli del locale. Neanche se ci si chiama Aretha Franklin e si è acquisito per suffragio universale il titolo di regina del soul. L'incidente è capitato in un ristorante di Lewiston, vicino a Buffalo, dove la leggendaria cantante di Memphis, oggi settantaduenne, si era recata qualche sera fa per ordinare e mangiarsi un hamburger dopo avere tenuto un concerto sold out, comportandosi come una anonima artista da club. Tanto che una solerte cameriera non l'ha riconosciuta, e le ha ordinato in malo modo di uscire immediatamente dal locale.

"E' stata molto rude, poco professionale e volgare", ha dichiarato la cantante in un comunicato stampa lamentandosi pubblicamente dell'episodio. Inutile dire che i proprietari del Johnny Rockets si sono prodigati in scuse immediate, sottolineando che l'impiegata era una neo assunta di giovane età e che è stata immediatamente redarguita e istruita sulle politiche aziendali. Oltre che, magari, sui fondamentali della storia della soul music.

In settembre, sotto la supervisione di Clive Davis, la cantante pubblicherà un album di cover che prevede la partecipazione di André 3000 degli OutKast.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi