Mercato discografico italiano: accelera la crescita nel 1° semestre (+ 7 %)

Nel primo semestre del 2014 il mercato discografico italiano ha confermato e anzi sensibilmente migliorato i risultati del 2013 (primo anno di crescita dopo 11 anni di declino) segnando un incremento del 7 % per un totale di 53,6 milioni di euro (dati di "sell-in" e al netto dei resi, raccolti da Deloitte per conto della associazione di categoria FIMI). Il 43 % di quella cifra, 23 milioni di euro, proviene dai canali digitali, in crescita complessivamente del 20 % e con lo streaming audio e video (+ 95 %) per la prima volta davanti al download (- 18 %): 12,567 milioni di euro contro 10,281 milioni. Lo streaming rappresenta complessivamente il 55 % del mercato digitale (era solo al 34 % nel 2013), e i servizi gratuiti finanziati dalla pubblicità si dimostrano ancora più rilevanti in termini di ricavi per l'industria discografica di quelli in abbonamento (6,960 e 5,607 milioni rispettivamente).

Grazie a operatori come Tim Music, Spotify e Deezer, sottolinea la FIMI, lo streaming audio è cresciuto del 134 % a 5,6 milioni di euro di fatturato, mentre lo streaming video di YouTube e Vevo, finanziato dalla pubblicità, è cresciuto a 7 milioni di euro (+ 72 %).

Prematuro, ancora una volta, dare per morto il mercato tradizionale, dal momento che il CD ha frenato la sua flessione al 2 % (4,1 milioni di copie, ciirca mezzo milione di copie in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente) sviluppando un fatturato di 30,7 milioni di euro e confermandosi tuttora il supporto più acquistato dai consumatori di musica. Ancora in crescita il vinile, + 36 %, anche se le copie vendute nel semestre sono appena 98 mila e il valore pari a 1,3 milioni di euro (il 2,6 % del mercato).

    Nel primo semestre del 2014 il mercato discografico italiano ha confermato e anzi sensibilmente migliorato i risultati del 2013 (primo anno di crescita dopo 11 anni di declino) segnando un incremento del 7 % per un totale di 53,6 milioni di euro (dati di "sell-in" e al netto dei resi, raccolti da Deloitte per conto della associazione di categoria FIMI). Il 43 % di quella cifra, 23 milioni di euro, proviene dai canali digitali, in crescita complessivamente del 20 % e con lo streaming audio e video (+ 95 %) per la prima volta davanti al download (- 18 %): 12,567 milioni di euro contro 10,281 milioni. Lo streaming rappresenta complessivamente il 55 % del mercato digitale (era solo al 34 % nel 2013), e i servizi gratuiti finanziati dalla pubblicità si dimostrano ancora più rilevanti in termini di ricavi per l'industria discografica di quelli in abbonamento (6,960 e 5,607 milioni rispettivamente).

    Grazie a operatori come Tim Music, Spotify e Deezer, sottolinea la FIMI, lo streaming audio è cresciuto del 134 % a 5,6 milioni di euro di fatturato, mentre lo streaming video di YouTube e Vevo, finanziato dalla pubblicità, è cresciuto a 7 milioni di euro (+ 72 %).

    Prematuro, ancora una volta, dare per morto il mercato tradizionale, dal momento che il CD ha frenato la sua flessione al 2 % (4,1 milioni di copie, ciirca mezzo milione di copie in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente) sviluppando un fatturato di 30,7 milioni di euro e confermandosi tuttora il supporto più acquistato dai consumatori di musica. Ancora in crescita il vinile, + 36 %, anche se le copie vendute nel semestre sono appena 98 mila e il valore pari a 1,3 milioni di euro (il 2,6 % del mercato).

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.