5 Seconds Of Summer: ‘Un disco pop, rock, alternative’ - la videointervista

5 Seconds Of Summer: ‘Un disco pop, rock, alternative’ - la videointervista

Sarebbe fin troppo facile bollarli come "i nuove One Direction" - anche perché apriranno il concerto di domani, sabato 28 e di domenica 29 a San Siro. Ma oggi alla "signing session" dei 5 Seconds Of Summer sono arrivate schiere di fan - più di 5.000, dice la casa discografica - sotto i balconi della libreria Mondadori di Piazza Duomo, a Milano, tanto da rendere necessario l’intervento della polizia.

La band australiana, formata da Luke Hemmings (voce e chitarra), Michael Clifford (voce e chitarra), Calum Hood (basso e voce) e Ashton Irwin (batteria e voce), nasce inizialmente come fenomeno Youtube quando il gruppo inizia a pubblicare cover di Blink182, Adele, Justin Bieber, Chris Brown, Ed Sheeran e altri; da lì il paso arrivando verso una vera produzione discografica è stato breve ed oggi i “5SOS” (eppure sono quattro) presentano il loro album di debutto composto da 12 brani inediti (15 nella versione deluxe) con collaborazioni con Joel e Josh Madden dei Good Charlotte, che hanno firmato il brano “Amnesia”, Alex Gaskarth degli All Time Low e il produttore della rock band Boys Like Girls, John Feldmann. 

Rockol li ha incontrati: facce pulite  e modi “disciplinati” di chi sembra consapevole delle regole della grande macchina promozionale che li circonda. A proposito del loro disco ci dicono: “La nostra musica è un po’ pop, un po’ rock, con qualcosa di alternative. Molta energia, molte chitarre, molta batteria. E’ stato molto importante per noi viaggiare e sperimentare cose diverse e nuove per poter crescere ed evolverci”.  Sono già due i singoli estratti dal disco: “She Looks So Perfect”, e “Don’t Stop”, singolo attualmente in rotazione radiofonica. “Abbiamo incontrato alcune persone che ci hanno aiutato a sviluppare la nostra musica, come John Feldmann e Steve Robson, è stato un gran processo creativo che ha messo in gioco molti fattori ed è stata una bella sfida”. 



Contenuto non disponibile

 

E del paragone tra loro e i loro "amici" inglesi  per cui apriranno i concerti dicono: “Gli One Direction hanno già alle spalle i loro album e il loro percorso mentre noi ci stiamo affacciando adesso. E’ una domanda difficile, è un po’ come fare un paragone tra gli Slipknot e i Teletubbies”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
29 apr
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.