Comunicato Stampa: 'Extrafesta 19' sabato 1 maggio al Mazdapalace (Milano)

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

SABATO 1° MAGGIO 2004 AL MAZDAPALACE

Torna l'appuntamento annuale con la musica etnica di qualità organizzato da Radio Popolare

EXTRAFESTA 19
da anni vetrina e trampolino di lancio per artisti alle prime esibizioni in Italia

Per l'edizione 2004 di Extrafesta:
- i franco-algerini Gnawa Diffusion, reggae ragammuffin con strumenti tradizionali tipici della cultura Gnawa
- Souad Massi, folk misto ai vocalismi orientali ed al flamenco
- dall'Occitania i Gai Saber con la loro musica meticcia

Radio Popolare ha scelto la giornata dei lavoratori per proporre la diciannovesima edizione di Extrafesta, l'appuntamento annuale di musica e cultura multietnica, che dal 1986 dà voce a realtà straniere difficilmente avvicinabili in altri contesti.
Gnawa Diffusion è un gruppo di 8 elementi formatosi nel 1992, che fa capo all'algerino Amazingh Kateb. Cantano essenzialmente in lingua araba e francese e i loro testi sono impegnati, ironici e attenti alle tematiche legate al sociale e alla denuncia politica. Ritmiche reggae e raggamuffin convivono con strumenti tradizionali tipici della cultura Gnawa (musicisti e danzatori discendenti degli schiavi neri deportati, dai paesi dell'Africa occidentale subsahariana, in Marocco) come il "Guembri", una sorta di basso acustico a tre corde, e le Kerkabs, nacchere metalliche. Tradizione e modernità convivono felicemente in una musica meticcia e contaminata, festosa e riflessiva al tempo stesso. L'ultima produzione discografica " Zouk System " è uscita per la Warner jazz.
Oltre ai sette dischi firmati a proprio nome compaiono anche loro brani in una quindicina di compilation e musiche di film e documentari.
I Gnawa Diffusion sono: Amar Chaoui: coro e percussioni.; Mohamed Abdenour: mandolino, banjo, kerkabs, coro.; Amazigh Kateb: voce e gumbri.; Philippe Bonnet: batterie; Abdel Aziz Maysour: gumbri, voce, kerkabs; Pierre Bonnet: basso; Salah Meguiba: tastiere, percussioni orientali, coro; Pierre Feugier:, chitarra, kerkabs, coro.
Grande artista di spicco nel panorama francese, definita dalla stampa la rappresentante della nuova tendenza degli artisti algerini, insieme al già citato cantante dei Gnawa Diffusion, Souad Massi emozionerà con la sua voce libera e sensuale e con le sue interpretazioni impegnate cantate sia in arabo che in francese. Già paragonata a Joan Baez o Tracy Chapman, lei dichiara che il suo universo è quello dell'hard rock e del flamenco, le sue atmosfere musicali mescolano chitarre elettriche e liuti arabi, batteria e karkabous. Nel suo stile si ritrovano richiami a raggamuffin, al reggae, alla musica di Capo Verde, a quella haitiana. Ritmi trascinanti che non puoi fare a meno di ballare e che raccontano spesso il dolore e un furioso desiderio di speranza. Con i suoi due primi album ha raggiunto le 100.000 copie vendute, una candidatura al britannico World Music Award e un disco d'oro in Francia con Deb, il secondo l'album di world music più venduto in Francia nel 2003.
Primi ad esibirsi saranno i nostrani Gai Saber gruppo che propone "musica meticcia", contaminando la tradizione popolare occitana e la musica trobadorica con i ritmi e i timbri elettronici della "jungle" e del "trip-hop". Il progetto nasce nel 1992 nell'area linguistico - culturale occitana, ovvero in quelle valli piemontesi in cui si parla l'antica lingua d'Oc. Il nome deriva da un'antica sfida poetica fra letterati del XIV secolo; i testi e la musica si ispirano quindi alla ricchissima tradizione orale ed ai ritmi delle danze tradizionali. I Gai Saber sono: Chiara Bosonetto (voce); Maurizio Giraudo (cornamusa, ghironda, flauti, voce), Maurizia Giordanengo (organetto); Paolo Brizio (organetto, djembe derbouka, voce), Elena Giordanengo (arpa, tamburi e flauti provenzali, voce); Jose Dutto (batteria) Alessandro Rapa (chitarre acustiche, bodhran, voce, campionamenti e programmazioni digitali).
Come tutti gli anni Extrafesta ospiterà i banchetti di numerose comunità straniere che vivono in Lombardia: pubblicazioni, materiale informativo, artigianato e bevande… Un apposito angolo gastronomico offrirà, a prezzi politici, una cena con rigido menù a tema.
Per ovviare alla mancanza dei mezzi pubblici nel corso della giornata Radio Popolare chiederà ai propri ascoltatori di auto-organizzarsi con un accurato servizio di car sharing
Apertura cancelli: ore 18.00 Inizio concerti: ore 20.30 Ingresso: 12 €
Per avere informazioni: sintonizzarsi su Radio Popolare - FM 107.60 –
La radio si può ascoltare anche su www.radiopopolare.it e sul satellite Eutelsat
Hot Bird 13° est, frequenza 12.673 MHz, polarizzazione verticale

MazdaPalace (ex-Palavobis):Via Sant'Elia, 33 Milano tel. 02-33400551 MM Lampugnano
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.